50 anni del Lions Club Chieti Host

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1937

Nei giorni scorsi, si è celebrato il cinquantesimo anniversario della fondazione Lions Club Chieti Host: mezzo secolo di attività sociali e culturali, che hanno seguito i mutamenti della società ed espresso ideali di libertà, pace, giustizia e solidarietà.
In questi 50 anni, la fondazione ha operato non solo con il restauro di Porta Pescara e tanti interventi di carattere umanitario, ma ha anche agito nel distretto che comprende i Lions Club della Romagna, Marche, Abruzzo e Molise con il contributo dato nella costituzione di ben sei club e alla realizzazione di service dal notevole valore sociale.
Nella celebrazione, si è ricordato ai partecipanti l'impegno di costruire, nell'ambito del progetto distrettuale "Adottiamo un villaggio a Wolisso - Etiopia": il centro di formazione professionale per artigiani, che prevede anche la realizzazione di una casa di accoglienza per ragazze madri, la costruzione di un orfanotrofio e di una scuola per bambini del villaggio, una chiesa e impianti sportivi.
Inoltre, il Club di Chieti ha sottolineato che andrà a Wolisso con i propri rappresentanti e con gli enti che vorranno collaborare, a tenere corsi di formazione. La parola chiave del progetto sarà “formazione”, con l'obiettivo di rendere autonoma la popolazione locale tramite l'insegnamento delle professioni artigiane.
«La nostra scelta di puntare sulla formazione - ha detto il presidente, dottor Giuseppe Potenza - deriva dalla convinzione che le popolazioni del sud del mondo riusciranno ad emergere dalla povertà solamente se sarà valorizzato il loro Capitale umano e se questo sarà capace di coniugare la solidarietà sociale con lo sviluppo economico».
In questa importante occasione, il sodalizio teatino ha ospitato il Governatore del Distretto avvocato Giorgio Mataloni, le massime autorità, i presidenti dei club service della città e i presidenti di tutti i Club Lion dell'Abruzzo.
È intervenuto alla celebrazione anche il Vescovo di Enteberre, nel quale ambito è la cittadina di Wolisso, Mons. Musiè Ghebrechiorchis che con un intervento molto suggestivo ha messo in evidenza lo stato di bisogno del popolo etiope e ha ringraziato il Lions Club per quello che sta facendo. 16/11/2005 12.00