Continua il Corto Film Festival. Appuntamento domani con "L’oro di Napoli"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2233

PESCARA. Ampio spazio dedicato all’Abruzzo martedì 28 novembre al Mediamuseum per il Corto Film Festival Scrittura e Immagine con cortometraggi realizzati da scuole locali e filmmaker della regione. Da non perdere inoltre alle ore 18,00, fuori concorso, la proiezione, in versione integrale de “L’oro di Napoli”, film a episodi di Vittorio De Sica tratti da sei racconti di Giuseppe Marotta raccolti nel libro omonimo: ‘Il guappo’ con Totò, ‘Pizze a credito’ con Sophia Loren, ‘I giocatori’ con lo stesso De Sica, ‘Teresa’ con Silvana Mangano, ‘Il professore’ con Eduardo De Filippo e ‘Il funeralino, elegiaco e bellissimo.
Difficile fare una graduatoria in un film di insolita omogeneità, tematica e stilistica, se non basandosi sui gusti personali. Il tema conduttore del film è la pazienza, “la possibilità di rialzarsi dopo ogni caduta; una remota, ereditaria, intelligente, superiore pazienza”. Non è un film neorealista. Sagace la direzione desichiana degli attori ed eccezionale il teatralismo del popolo dei “bassi” napoletani. Lo si vede soprattutto in “Teresa”, nella coralità de “Il professore” e nel lirismo struggente de “Il funeralino”. La proiezione sarà preceduta da un'introduzione a cura del Prof. Gian Piero Consoli.
Alle ore 15,30 al via la carrellata dei corti in concorso con: ‘Pescara, città europea realizzato dalla scuola Media Statale “B. Croce” di Pescara: reportage sui luoghi simbolo del passato e del presente della città, nella sua dimensione europea; ‘Spot promozionale turistico sull'Abruzzo' realizzato dalla Scuola primaria II circolo di Chieti; ‘L'ultima memoria Cefalonia (Aprile 1941 – novembre 1943)' di Fabrizio Bruni; ‘Sinestesia' di Giorgia Costantino e Silvia Negrato in cui si racconta un breve spaccato di quello che può succedere nella testa di un sinesteta e di come la sua condizione gli permetta di vedere oltre il significato delle parole stesse; ‘Un giorno indimenticabile' di Ezio Budini sul destino, se siamo noi i suoi fautori o se c'è qualcuno che muove i fili; ‘Oltre' di Danilo Cataldo in cui si raccontano in maniera allegorica e surreale, gli avvenimenti che gradualmente allontanano, fino a separare, la coppia composta da Enrico e Annalisa: ‘Turisti per cinema, alla ricerca del peteko' di Marta Pasqualini e Fabrizio La Palombara; ‘458NM' dei tedeschi Jan Bitter, Ilija Brunk, Tom Weber; l'israeliano ‘Neilah' di Zorah Markman e il brasiliano ‘Je suis Jan Cocteau' di Cristina Pinheiro e Andrè Scucato.
Il concorso riprende poi alle ore 20,30 con: ‘Franco Summa, cittadino dell'arcobaleno' di Matteo Giacomelli dove un'intervista nello studio dell'artista a Pescara ricostruisce un percorso nello spazio e nel tempo, abbracciando centri storici e periferie, passando per le immagini di repertorio delle Biennali di Venezia del 1976 e del 1978; ‘Montesacro' di Alessandro Celli dove il protagonista è il figlio di un matrimonio finito e nel giorno del suo diciottesimo compleanno è sicuro di ricevere qualcosa da sua madre…; ‘El hijo y el padre (The Son and the Father)' dello spagnolo Francisco Gòmez Pinteno: ai piedi di una grande fico d'India il figlio e il padre…nella testa del padre fatica e sudore, nella testa del figlio fatica, sudore e Carmen; ‘Magma' di Vicente Navarro sul lato altro di un amore da trovare, su due sconosciuti in mezzo alla folla.
A seguire l'appuntamento con il grande horror di qualità.
L'ingresso a tutte le proiezioni è libero.

27/11/2006 14.19