Camera di Commercio: convegno sulla conciliazione stragiudiziale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2550

La Camera di Commercio di Pescara ha organizzato per sabato 29 ottobre alle ore 10:15, presso la sala Camplone dell'Ente, un convegno dedicato alla Conciliazione stragiudiziale.
L'iniziativa si inserisce nell'ambito della “Settimana nazionale del Servizio di conciliazione delle Camere di Commercio” promossa su tutto il territorio del Paese da parte di Unioncamere.
La giornata di studio è finalizzata a far conoscere agli imprenditori, ai professionisti ed ai comuni cittadini sia le opportunità offerte dalla conciliazione, quale strumento di risoluzione alternativa delle controversie civili e commerciali, sia il servizio offerto in tale ambito dalle Camere di Commercio che dispongono, in ogni sede, di funzionari dedicati e di professionisti competenti in grado di attivare procedure rapide, economiche e collaudate che di anno in anno fanno registrare un numero di casi risolti sempre crescente.
Il programma prevede l'apertura dei lavori da parte del Presidente Ezio Ardizzi che, congiuntamente con il sindaco Luciano D'Alfonso, illustrerà i contenuti della Convenzione, stipulata tra la Camera di Commercio ed il Comune di Pescara, diretta a promuovere l'uso della conciliazione e dell'arbitrato nella composizione delle controversie tra cittadini, imprese ed i due Enti. Il dibattito proseguirà con l'intervento del Dott. Paolo Di Geronimo, Giudice Civile del Tribunale di Chieti, su “La conciliazione giudiziale: la conciliazione nel processo civile e nel processo societario”, a seguire l'Avv. Nicola Soldati, docente dell'Università di Bologna esaminerà “Il ruolo dell'avvocato nella conciliazione stragiudiziale”. I lavori si concluderanno con una simulazione di una procedura di conciliazione curata da l'Avv. Michela Roi, l'Avv. Guglielmo Flacco e la Dott.ssa Caterina Cieri.
L'iniziativa realizzata con il patrocinio dell'Ordine degli Avvocati di Pescara, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti di Pescara e Sulmona e del Collegio dei Ragionieri di Pescara è testimone dell'attenzione rivolta verso le procedure alternative di composizione delle controversie da parte dell'Ente Camerale che ha visto raddoppiare nel 2005, rispetto al 2004, i casi trattati. Tale attenzione è ulteriormente confermata dalla recente costituzione del Centro Arbitrale Italiano all'Estero - che vede quale promotrice e capofila del progetto la Camera di Commercio di Pescara in condivisione con Assocamerestero - destinato a divenire grazie alla massiccia adesione di un numero sempre crescente di Camere di Commercio Italiane all'Estero una realtà operativa di riferimento nelle controversie relative alle transazioni commerciali internazionali. 28/10/2005 8.32