Ecco il Festival del cinema naturalistico ed ambientale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2950

ASSERGI – Prenderà il via lunedi 7 agosto a Civitella del Tronto il Festival Internazionale del Cinema naturalistico ed ambientale ospitato e patrocinato quest’anno dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e promosso dall’associazione Comunicazione ed Immagine sotto l’Alto patronato della Presidenza della Repubblica.

ASSERGI – Prenderà il via lunedi 7 agosto a Civitella del Tronto il Festival Internazionale del Cinema naturalistico ed ambientale ospitato e patrocinato quest'anno dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e promosso dall'associazione Comunicazione ed Immagine sotto l'Alto patronato della Presidenza della Repubblica.

Il carro gitano di Geo&geo, guidato dal noto regista Pierluigi Giorgio, in sei comuni dell'area protetta porterà dolci e regali ai bambini e un carico di magia, cultura e natura.
Circa 35 i filmati in concorso, proiettati tra le 21.00 e le 23.30, in gran parte inediti. Queste le tappe del festival : Civitella del Tronto (7-8) Campotosto (9-10), Fano Adriano (11-12), Santo Stefano di Sessanio (13-14), Farindola (15-16) Capestrano (17-18),un carico di magia e natura. Le premiazioni avranno luogo a Giulianova, il 19 agosto e a condurre sarà Licia Colò, la nota presentatrice di Geo&geo. A Castelnuovo Vomano il 20 agosto gran finale con il concerto dei Nomadi. Nel pomeriggio della seconda giornata di ciascuna tappa avrà luogo un talk show televisivo gestito da Enti ed associazioni con ospiti di rilievo.

«Abbiamo scelto di sostenere e di ospitare il Festival – ha spiegato il Presidente dell'Ente Parco, Walter Mazzitti – perché riteniamo si tratti di un grande progetto di diffusione della cultura dell'ambiente che si sintonizza efficacemente con il programma di comunicazione dei valori della natura che il Parco persegue da sempre».
«L'idea di svolgere la manifestazione in Abruzzo e in particolare nel territorio del Parco – spiega il direttore artistico Riccardo Forti –è una scelta che potrà garantire il giusto contesto culturale alla rassegna, ed anche la disponibilità, nei paesi in cui il festival farà tappa, di adeguate strutture ricettive e servizi. Il Parco è in sostanza l'ambiente più idoneo ad ospitare la rassegna».

Nella due giorni di Civitella del Tronto è prevista la proiezione dei documentari:
Ippopopotami: parole sott'acqua di Ugo Adilardi, che spia il comportamento più intimo di questi pachidermi, goffi ed impacciati sulla terra, liberi ed aggraziati nell'elemento acquatico;
L'alfabeto degli animali: il lupo di Ludovico Prale, primo una serie dall'altovalore etologico ed educativo dedicato al signore di queste montagne;
Un Bosco da Scoprire: la riserva naturale di Castel Cerreto di Cesare Baiocco, che mostra gli aspetti naturalistici nelle varie stagioni dell'anno, fino a quando la neve chiude il racconto, in uno spendido angolo d'Abruzzo.
E poi ancora Organismi geneticamente modificati, coraggioso e visionario corto realizzato dai ragazzi del Centro educativo Peter Pan di Mosciano Sant'Angelo;
La palude di Col Fiorito di Massimiliano Sbrolla, ambientato nell'unica zona umida dell'Umbria, considerata di valenza internazionale dalla Convenzione di Ramsar.
Grande attesa poi per Sabbia feroce di Brando Quilici, primo episodio di una tilogia dedicata al deserto, fatto di immagini straordinarie e di una quotidiana sfida per sopravvivere di uomini ed animali.
Infine, e pare quasi profetico, Il ritorno degli avvoltoi di Massimiliano Sbrolla per il quale non poteva esserci momento migliore per la proiezione visto il recente avvistamento di grifoni sul territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso.








Per il giorno 8 agosto è previsto il talk show televisivo curato da Legambiente dal titolo “Il legno e la pietra”. Si parlerà del rapporto tra l'uomo, il paesaggio e la storia ed interverranno Antonio Ricci, presidente regionale di Legambiente, il regista Pierluigi Giorgio, l'assessore provinciale Antonio Assogna e il sindaco di Civitella, Turini.

Una giuria tecnico-scientifica seguirà lo svolgimento del festival e sarà chiamata alla fine ad assegnare i riconoscimenti: miglior documentario, divulgatore scientifico dell'anno, premio “Natura & Ambiente” destinato a personaggi che abbiano dato particolare prova di impegno a favore della natura, premio al valore didattico, alla carriera, al giovane regista, premio “Pro natura” riservato alle Nazioni. Un premio speciale sarà assegnato dal pubblico.

04/08/2006 17.37