A Mosciano il XV Festival internazionale del teatro di strada

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1394

MOSCIANO SANT’ANGELO. E’ stata presentata ieri a Teramo la XV edizione di “Tra il Sole e La Luna”, Festival Internazionale del teatro di strada. L’evento si svolgerà dal 3 all’8 agosto nel borgo medievale di Montone di Mosciano Sant’Angelo, in provincia di Teramo.
Per festeggiare 15 anni trascorsi “Tra il Sole e la Luna”, di arte, spettacolo, musica e teatro ma anche 15 anni di passione, dedizione e amore per la cultura, gli organizzatori (Pro Loco del Comune di Mosciano Sant'Angelo e Associazione Culturale Eidos in collaborazione con Eventitalia).

L'evento, intitolato “Anime Migranti” sarà incentrato quest'anno sull'importante tema dell'integrazione e vedrà la collaborazione di Amnesty International.
Ad aprire e chiudere il festival, parteciperanno per la prima volta nella storia di Montone due testimonial d'eccezione: Franco Nero giovedì 3 agosto aprirà il festival recitando i versi delle “Laudi del cielo della terra e degli eroi” di D'Annunzio, mentre Maria Grazia Scuccimarra lo chiuderà martedì 8 agosto con il “Saluto alla luna”.
Molte le presenze di gruppi nazionali e internazionali che sicuramente faranno vivere al pubblico della manifestazione emozioni forti e irripetibili, tra questi ricordiamo il Living Theater, noto teatro di strada che si occupa da sempre dell'aspetto sociale, il quale sarà presente la sera del 4 agosto.

Una nota per descrivere i percorsi di formazione che ogni anno vengono organizzati e dedicati alla scenografia, al teatro, alla voce e alla pittura. Essi si concludono con la messa in scena di spettacoli ad opera di tutti i partecipanti ai laboratori.
«Anche le arti visive», spiegano gli organizzatori, «muteranno lo scenario abituale della manifestazione, infatti si è pensato di mettere insieme le voci di artisti di generazioni diverse che si dispiegheranno in termini vivaci, sia cromatico formali che contenutistiche, lungo le strade e le piazze del borgo, occupando quasi tutti gli spazi esterni con installazioni, video, interventi pittorici e scultorei».
Come testimonia l'assessore al Turismo e alle attività produttive della Provincia di Teramo, Orazio Di Marcello, l'evento è ormai acclamato come uno dei più interessanti di tutto il panorama regionale grazie anche alla presenza di gruppi nazionali e internazionali.
«Montone è una realtà che ogni anno stupisce per la sua continua crescita culturale e stiamo pensando di inserire il Festival tra i grandi eventi organizzati dalla Provincia di Teramo”. “Il tema dell'integrazione, proposto quest'anno”, continua l'assessore Di Marcello, “è senza dubbio molto interessante dato anche il delicato momento che il popolo del mediterraneo sta vivendo».
La direttrice artistica del festival, Loredana Iannucci, si è soffermata, invece, sul profondo cambiamento della società contemporanea dettata da una migrazione di popoli che significa conoscenza, nuovi linguaggi, nuove religioni, nuove abitudini, nuovi pensieri, nuove culture e nuove geografie.

29/07/2006 8.44