Il Teatro del Krak ad Ortona con Terra di Racconti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

822

Il Teatro del Krak torna a proporre ad Ortona il progetto di narrazione teatrale Terra di Racconti.
Dal 1 al 6 agosto nella contrada di San Donato di Ortona gli attori della compagnia, guidati da Francesca Mazza e Antonio Tucci, incontreranno gli anziani della contrada per conoscere le loro storie e gli antichi canti di lavoro. Nelle sere del 2, 4 e 6 agosto le storie, rielaborate e montate teatralmente, saranno restituite in forma di spettacolo.
Come davanti a uno specchio, in piazza e nei cortili, di nuovo insieme ai protagonisti delle storie, in ruoli invertiti. Promosso dalla Provincia di Chieti e in collaborazione con l'Associazione Culturale, Ricreativa e Sportiva “San Donato”, Terra di racconti muove lungo un binario parallelo: da una parte l'incontro con un patrimonio di memoria e la sua valorizzazione attraverso la forma teatrale; dall'altra, la possibilità di un'esperienza formativa per giovani attori che, attraverso il contatto diretto con la parola viva della narrazione, possono affinare diverse tecniche recitative e possono sperimentare un teatro che non nasce dalla pagina di un autore ma dal vissuto.
Ancora l'idea è quella di portare il teatro fuori dai luoghi abituali e portarlo là dove non è mai arrivato, un teatro che nasce da uno scambio reattivo di linguaggi: l' uno fatto di dialetti, di modi e gesti propri di una cultura orale antica e ancora viva, l' altro – quello del teatro - fatto di segni, di sintesi, improntato alla trasformazione, proveniente da una tradizione altrettanto antica ma costantemente impegnato nello sforzo di aderire e di interpretare la "modernità".
Terra di Racconti è soprattutto un'occasione d'incontro e l'opportunità di lavorare su un comune contenuto poetico; entrare nelle pieghe armoniche o, forse più frequentemente, contraddittorie delle nostre terre, di confrontare il passato e il presente, di sperimentare un teatro fra memoria e alchimia. Riaprire le frontiere della relazione attraverso il piacere di raccontare; scoprire che la propria storia merita un ascolto ed è quindi un valore.
25/07/2006 7.59