Premio Parco Majella, sabato sera la premiazione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1082

Il convegno “Uomo, natura e spiritualità” che si terrà oggi, 21 luglio, alle 20,30, in piazza IV novembre ad Abbateggio, darà il via alla tre giorni in cui si articola la IX edizione del premio nazionale di letteratura naturalistica Parco Majella organizzato dalla Pro loco del centro ai piedi della Majella. Interverranno monsignor Riccardo Bollati, officiale della Congregazione per la dottrina della fede, Giulio Lucchetta, ordinario di Storia della filosofia antica all'università “Gabriele d'Annunzio” di Chieti-Pescara, e Luigi Sertorio, fisico del dipartimento di Fisica teorica dell'università di Torino.
L'incontro sarà coordinato da Franco Farias, giornalista Rai del Tg3 Abruzzo. Sabato invece, alle 20,30, in piazza IV novembre (in caso di pioggia nei locali dell'ex cinema Majella di San Valentino, locale che, col maltempo, ospiterà tutta la manifestazione), ci sarà la serata di gala con la premiazione dei vincitori delle sette sezioni in cui è articolato il premio. Alla manifestazione curata, come nelle precedenti edizioni, dal direttore artistico Carlo Spatola Majo parteciperanno anche il ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio e la parlamentare dei Verdi Grazia Francescato, che dall'anno scorso è anche cittadina onoraria di Abbateggio. Non mancheranno intervalli musicali eseguiti dal Trio Nice (composto dal soprano Natalina Masala più il duo pianistico formato da Tiziana Savini e Corradina Del Zozzo).
L'attrice Lavinia Pozzi invece leggerà brani delle opere premiate. La serata sarà presentata dalla giornalista Cristina Mosca e dall'attore teatrale Emiliano Torresi. Al termine dello spettacolo seguirà un buffet di prodotti tipici biologici, tra i quali il farro di Abbateggio, offerti dalla Pro loco. Ma l'edizione di quest'anno del premio sarà caratterizzata dal conferimento alla scrittrice Dacia Maraini della cittadinanza onoraria del Comune di Abbateggio. La cerimonia si terrà dopodomani, alle 16,30, nella sala consiliare del Comune alla presenza del sindaco Antonio Di Marco e dei vertici dell'amministrazione municipale. La scrittrice però ritirerà l'onorificenza ad agosto a causa di motivi di salute. Il riconoscimento è motivato dal legame che da tempo s'è instaurato tra il piccolo centro pedemontano e l'autrice di successi come La lunga vita di Marianna Ucria (Rizzoli, 1990), Dolce per sé (Rizzoli, 1997) e La nave per Kobe (Rizzoli, 2001).
Tra l'altro la Maraini, due anni fa è stata presidente della giuria e quest'anno è in gara con il suo ultimo romanzo, Colomba (Rizzoli, 2004) ambientato proprio nei boschi abruzzesi. Domenica, 23 luglio (sempre alle 20,30 in piazza IV novembre, ingresso gratuito) infine, il premio sarà chiuso dallo spettacolo teatrale “Il respiro leggero dell'Abruzzo. Scrittori famosi raccontano le terre abruzzesi” interpretato dagli attori Arnaldo Ninchi e Paolo Di Paolo e le musiche del coro a cappella diretto dal maestro Nicola Russo.
21/07/2006 9.37