"Differenti identità", la mostra sulla cultura romanì

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1432

"Differenti identità", la mostra sulla cultura romanì
L’AQUILA. Si terrà dal 17 al 23 luglio presso il salone polifunzionale del Complesso di Collemaggio, a L’Aquila, la mostra “Differenti identità”, percorsi di conoscenza della cultura Romanì.
Fortemente voluta dall'assessore provinciale alle Politiche sociali della Provincia dell'Aquila, Teresa Nannarone, in collaborazione con l'Associazione “Them Romanò, l'iniziativa, inserita nell'ambito di “Provincia in festival”, è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa dall'assessore Nannarone e da Alexian Santino Spinelli, curatore della mostra, docente di cultura Rom e musicologo. Erano presenti anche il consigliere provinciale, Gabriele Perilli, in rappresentanza della Commissione consiliare Affari Sociali e il prof. Walter Tortoreto, presidente del Comitato tecnico del Forum delle Attività Culturali.

La mostra, itinerante, farà tappa anche a Sulmona, dal 24 al 30 luglio, presso Palazzo della Provincia, in via Mazara. Toccherà Castel di Sangro, dal 7 al 13 agosto, presso la scuola elementare e si concluderà ad Avezzano, dove sarà allestita dal 21 al 27 agosto, presso la Scuola Media Statale “Camillo Corradini”.
Composta da diverse sezioni, l'iniziativa ripercorre la storia del popolo Rom. Dal suo insediamento in Italia, ai primi del 1300, si passa al bando della Chiesa, nel 1557, che inflisse dure restrizioni e alle strategie di sopravvivenza, messe in atto dal popolo Rom. Una sezione a parte è dedicata all'Olocausto, che colpì più di mezzo milione di Rom. Grande attenzione è rivolta alla sartoria romanì e all'abbigliamento femminile e alla musica rom, da cui attinsero diversi musicisti, Schubert, Liszt, Stravinskij, Cajkovskij e oggi Goran Bregovic. In esposizione anche oggetti di rame e ferro, diapositive e proiezione di video.
Nell'ultima sala del centro Polifunzionale di Collemaggio è stato interamente ricostruito un accampamento rom dei primi del ‘900. Attualmente sono 12 milioni i Rom nel mondo, 8 milioni in Europa, 120 mila in Italia.

«Si tratta di una delle iniziativa più interessanti di Provincia in Festival- ha commentato Teresa Nannarone- tesa a far conoscere la cultura romanì e a lanciare un messaggio di tolleranza e di pace. Il popolo Rom, infatti è uno dei pochi, che non ha mai posseduto un esercito e di non ha mai avviato guerre».
«Insieme per vincere il pregiudizio nei confronti di una cultura, da sempre messa ai margini, ma da cui hanno attinto musicisti e artisti vari», ha aggiunto Alexian Spinelli.

Il 21 luglio a L'Aquila è previsto anche un concerto dell'Alexian Group al Parco della Transumanza, a Collemaggio, sulla musica romanì, che verrà replicato anche il 28 luglio a Sulmona (cortile interno SS Annunziata), l'11 agosto a Castel di Sangro ( Piazza Plebiscito), il 26 agosto ad Avezzano (Piazza S. Giovanni).

17/07/2006 15.00