Calalenta, la costa tutta da assaporare

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

989

Calalenta, la costa tutta da assaporare
VASTO. Vita marinara e cene di pesce sulla spiaggia, cantine aperte e degustazioni di prodotti tipici della costa chietina: torna Cala Lenta, la manifestazione organizzata dalla condotta Slow Food Lanciano - Vasto all’insegna della buona cucina e del turismo eco-compatibile.
La manifestazione, che quest'anno è giunta alla terza edizione, si svolgerà dal 14 al 16 luglio lungo la costa dei Trabocchi e coinvolgerà i comuni di Ortona, Rocca S. Giovanni, Torino di Sangro, Fossacesia, San Salvo, Francavilla, S. Vito Chietino, Vasto.
Un'occasione unica per conoscere la bellezza e le tradizioni di quest'angolo di litorale abruzzese: sarà possibile infatti visitare i Trabocchi, tipiche strutture in legno disseminate lungo la costa, ascoltare dalla viva voce dei pescatori la storia del trabocco e assistere alla calata a mare delle reti: Cala Lenta, infatti, prende il nome dai gesti antichi del “traboccante” che rilascia le cime e scende lentamente le reti, ripetendo uno dei più antichi rituali dell'attività pescatoria. Nel corso della manifestazione saranno allestite tavole imbandite, e i visitatori avranno la possibilità di cenare sui trabocchi: i posti sono limitati a massimo 90 persone per serata, il costo è di € 40 a persona (bevande incluse); occorre prenotarsi sul sito www.calalenta.com.
La particolarità di questa manifestazione è il fatto che non si limita ad una serie di eventi singoli: Cala Lenta permette al visitatore di tuffarsi completamente in un'atmosfera marinara, grazie al coinvolgimento delle cooperative di pesca della zona, che organizzano attività di Pescaturismo, vale a dire uscite sui pescherecci, con partenze dal porto di Ortona, per piccoli gruppi di persone. I pescherecci con i loro ospiti a bordo salperanno alle prime ore del mattino per recuperare le reti e raccogliere il pescato. Questa sarà anche l'occasione per fare un'escursione nei luoghi più suggestivi della costa, fare il bagno nelle calette nascoste e pranzare a bordo.
Inoltre, i ristoranti della zona organizzeranno cene tematiche a menù fisso con piatti tipici della tradizione abruzzese, come la chitarra con i pelosi, la minestra di crostacei e patate, la frittura di paranza, il brodetto di pesce, la scapece. Alcune cantine e frantoi delle colline teatine apriranno le porte al pubblico per visite e degustazioni.
Ma Cala Lenta non è solo pesce: nel centro storico di San Vito Chietino, nelle ore serali, si svolgerà il Mercato del Gusto: si potranno scoprire ed acquistare gli oli extravergine D.O.P “Colline Teatine”, i formaggi della tradizione agropastorale, i salumi della Majella e del Vastese, le paste di Fara San Martino, gli ortaggi sott'olio e gli oli agrumati della Frentania, le specialità dolciarie come il bocconotto frentano e le neole ortonesi e i migliori vini della provincia di Chieti.
Attenzione, le attività di pescaturismo, le cene tematiche e le visite guidate sono a pagamento ed è necessario prenotare.

Maria Paola Chiaverini 12/07/2006 9.05