"W Fangio": Oggi primo raduno di auto d’epoca

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1413

CHIETI. Sabato 8 luglio prende il via il primo dei tre raduni d’epoca organizzati in occasione della mostra “W Fangio. Il più grande pilota di tutti i tempi”.
Nei tre sabati di luglio sfileranno le più belle macchine di tutti i tempi. Si parte con le Auto d'epoca. Mentre sabato 15 luglio saranno protagoniste le 500 e le Topolino e sabato 22 luglio sarà la volta dei Prototipi.
Nel pomeriggio di Sabato 8 luglio, con partenza alle ore 17,30 dal Parco Archeologico de la Civitella che ospita la mostra, prenderà il via il raduno di auto d'epoca dedicato alla rievocazione del Coppa della Colonnetta corsa a Chieti nel 1931 come gara di velocità in salita e nel 1932 come Circuito della Colonnetta.
Il tracciato di quest'ultima, dal Parco Archeologico, ripercorre quello del 1932, di km. 18,600.
La rievocazione passerà per la Villa Comunale, bivio per Casalincontrada, S.S. 81 Popoli Pescara, Chieti Sscalo, Chieti Porta Napoli, Chieti Villa Comunale, arrivo e stazionamento delle auto. Il raduno, a carattere assolutamente turistico, consisterà nel ripercorrere a velocità da passeggiata il tracciato di quella gara, ormai lontana nel tempo e colpevolmente accantonata nella memoria cittadina pur se nobilitata dalla vittoria dell'Alfa Romeo di quel Mario Tadini primo cronoscalatore nobilitato dal pubblico come “re della montagna”.
Il raduno storico, aperto a tutte le vetture d'epoca capitalizzate dai club settoriali delle quattro province abruzzesi, proporrà all'attenzione di appassionati e semplici curiosi un panorama abbastanza ampio e significativo della produzione automobilistica nazionale, sportiva e non, da quelle di più lontana datazione alle altre di più moderna e tecnologica realizzazione.
I partecipanti al raduno potranno così ammirare, nell'elegante ambientazione conferita al salone espositivo graficamente ideato da Dino Vitullo e Gabriele Vacca per la Videa, le vetture in qualche modo legate alle origini abruzzesi di Juan Manuel Fangio: le accattivanti livree delle loro carrozzerie definiscono, con sintesi di rara efficacia, l'evoluzione subita negli anni dalle monoposto, dalle formule addestrative alle gran premio.


08/07/2006 10.25