In gita con la Provincia di Teramo: le tradizionali escursioni estive

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1416

Non solo escursioni nei luoghi più belli e caratteristici della provincia, ma anche manifestazioni, concerti, degustazioni di prodotti tipici.
Con la sponsorizzazione dei privati. Il tradizionale servizio di escursioni estive che da ben 20 anni consente ai turisti che soggiornano sulla costa di conoscere l'entroterra teramano, cambia pelle e diventa uno strumento di promozione del territorio a 360 gradi a cominciare dal nome dell'iniziativa che da “escursioni estive” diventa “In gita con la Provincia: bus, guide, accoglienza”.
Oltre alle mete consolidate nelle città d'arte e nel capoluogo, alle serate enogastronomiche nelle aziende vitivinicole e alle passeggiate in montagna con il Cai, l'assessorato al turismo, quest'anno, propone il servizio di accompagnamento in autobus in occasione di manifestazioni, concerti, mostre e sagre.
Fra le mete in programma per questi “appuntamenti speciali” il Festival Jazz “Oh jazz bee good”; la Fiera del Tartufo di Campovalano; Castelbasso progetto Cultura; il Laccio d'Amore di Penna Sant'Andrea; il Festival blues di Campli; la Festa della Pizza di Mosciano, la Vetrina del Parco di Montorio. E ancora trekking, i “percorsi dell'acqua” alla scoperta delle sorgenti del Gran Sasso, visite al centro ambientale Scuola Verde di Isola del Gran Sasso, il turismo religioso.
C'è anche un'escursione “controcorrente”; dalla montagna al mare, in collaborazione con l'Ente Porto di Giulianova. Partirà da Pietracamela e porterà i turisti a Giulianova per una gita in barca sull'Adriatico.
«Crediamo che questa formula possa incontrare i gusti e le aspettative di un'ampia fascia di turisti – commenta l'assessore al turismo Orazio Di Marcello – ; abbiamo pensato a proposte per i giovani, per le famiglie, per gli sportivi, per gli appassionati di enogastronomia. Un invito a “vivere” il territorio con una attenzione particolare alle manifestazioni artistiche e culturali che, anche grazie al lavoro di Comuni e associazioni, stanno diventando sempre più significative e ricche di appeal».
Altra novità è la sponsorizzazione di soggetti privati.
«Ci siamo arrivati attraverso un bando pubblico - prosegue l'assessore – , le aziende che hanno aderito sono presenti con la loro pubblicità su tutto il nostro materiale promozionale. Una vera sinergia pubblico-privato che ci ha consentito di superare le attuali difficoltà di bilancio».
Tutte le informazioni sui punti di raccolta e sulle prenotazioni si trovano sul sito della Provincia e nei punti informativi – IAT - della costa, nelle strutture ricettive: alberghi e campeggi.
Le “gite” costano 3 euro – fino a 14 anni sono gratuite – e le somme introitate, come avviene da quattro anni, saranno devolute ad un'associazione umanitaria.
Quest'anno, saranno consegnate all'associazione “Aiutiamoli a vivere” , presieduta da Tusio De Iuliis, che opera nelle zone di guerra.
08/07/2006 8.36