Il Conservatorio "Luisa D’Annunzio" ospita la mostra di pittura di Carlo Pilone

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

702

Quando un luogo destinato alla musica, come il conservatorio Luisa D'Annunzio ospita una mostra di pittura, come quella di Carlo Pilone, abbiamo la prova di come palazzo Mezzopreti costituisca una riferimento per la vita culturale della città, pronta ad accogliere le varie rappresentazioni artistiche che ben si coniugano con la musica.
La mostra personale di Carlo Pilone, che si terrà dall'8 al 15 luglio (esclusa domenica 9) rappresenta certamente uno di quei segnali che viene da un affermato artista locale del territorio vestino.
L'iniziativa, patrocinata dalla Provincia di Pescara, dagli assessori Enzo Fidanza (Edilizia Scolastica) e Paolo Fornarola (Cultura) e finanziata dalla ditta Paolo Di Giampaolo, è organizzata dal Laboratorio Musicale Area Vestina, diretto dal M° Pino Ruggeri, da anni attento ad ampliare il suo interesse verso quei progetti culturali che sanno intrecciare sapientemente l'arte alla musica. Il percorso artistico di Carlo Pilone, profondamente legato a Penne dove è nato e risiede, è caratterizzato da un continuo studio nel campo della pittura e della fotografia. Pilone ha partecipato a numerose rassegne in ambito provinciale e regionale.
I suoi lavori sono stati esposti anche in importanti mostre internazionali tra le quali è da sottolineare “THE GOLDEN SPURS” in Belgio o il 38° Cpa International Salon of Photograpy di Hong Kong, dove ha presentato alcuni scatti della sua copiosa collezione di foto sia a colori che in bianco e nero. Ed è proprio il settore della fotografia, attualmente, ad accompagnare la sua personale ricerca di forme pittoriche sempre più improntate a soluzioni minimaliste su temi di forte impatto emotivo. La sua ricerca di forme pittoriche sempre innovative, si riversa sui quadri, dove si scorgono immagini di grande sofferenza di un uomo spesso isolato, annullato, smarrito. L'artista vestino giunge, con questa personale di pittura, a coronare il sogno di esporre suoi lavori in un luogo simbolo della Città di Pescara, convinto di quanto sia importante lo spazio in cui si allestisce un evento culturale, tanto più quando tali iniziative si realizzano in luoghi di pregio architettonico, come quello di Palazzo Mezzopreti. Nelle giornate in cui si terrà la mostra, aperta al pubblico dalle ore 16 alle 20, Carlo Pilone ha garantito la sua presenza e la possibilità di avere un confronto diretto con i visitatori.

04/07/2006 13.13