"Magical strings of youth" dal Vaticano a Pescasseroli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

855

«La fama che li ha preceduti non ha disatteso le aspettative: “farfalle svolazzante sui prati fioriti”». Queste le parole con cui Alessandro Aceto in rappresentanza del Direttore del Parco Aldo Di Benedetto, ha definito le note suonate dai bambini del gruppo “Magical Strings of Youth” che ieri mattina, davanti ad una platea gremita, hanno dato un saggio della loro bravura presso la Tensostruttura del Parco a Pescasseroli.
Il tour italiano dei bambini rientra nell'ambito dell'iniziativa “Insieme per la natura” ed è sponsorizzato dall'Italian Accademy Foundation. Ha avuto inizio presso le Sale Vaticane dove, una performance prevista di un minuto si è prolungata di mezz'ora su richiesta di Papa Benedetto XVI.

Ad accogliere gli ospiti provenienti da Chicago erano presenti Domenico Neri per il Comune di Pescasseroli, il Sindaco di Bisegna Giovanni Grassi e il funzionario dell'Ente Parco Alessandro Aceto.
Stefano E.B. Acunto, Presidente dell'Italian Accademy Foundation ha accompagnato nella prima visita in Abruzzo, Mrs Mary Galvin, Presidente della Motorola.
Mrs Galvin ha patrocinato il tour nel Parco dei piccoli musicisti ed ha definito “un privilegio essere ispirata dalla loro musica”. Il gruppo formato da 40 bambini tra cui Emilia di 4 anni, piccola virtuosa dell'arco, è nato 31 anni fa per iniziativa di Mrs Betty Haag, insegnante di musica che, perso il lavoro, dedicò la sua passione e cultura musicale alla formazione di violinisti, col metodo Suzuki. Nel corso degli anni è nata la “Mary Haag Accademy” che oggi conta 500 studenti, tra cui solo 80, attraverso una rigorosa selezione, accedono al gruppo dei “Magici suonatori di gioventù”, riconosciuti oggi in tutto il mondo come suonatori di pace.
Il prossimo concerto, i “Magical Strings of Youth” della scuola “Mary Haag Accademy” , lo terranno a Bisegna il 24 p.v. alle ore 21.00 in Piazza San Rocco.
«Se durante l'esibizione l'Orsa Gemma dovesse aggiungersi alla platea, non distraetevi e lasciatevi guidare dal dolce battere d'ali dei violini», ha concluso Di Benedetto.

23/06/2006 10.44