A 20 anni dal disastro di Cernobyl il volume "Viaggio al termine della notte"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

915

Sabato 24 giugno, alle ore 18, nell'auditorium Diocleziano a Lanciano (piazza Plebiscito, nei pressi del municipio) si terrà la presentazione del volume “Viaggio al termine della notte”, di Carlo Spera, realizzato per il ventennale dell'esplosione della centrale nucleare di Cernobyl.
Il libro è innanzitutto una raccolta fotografica realizzata nei luoghi del disastro, senza le consuete immagini violente ma con simboli che cercano di emozionare lo spettatore/lettore. Di pari passo con le foto, si articola un diario dell'autore, una parentesi narrativa condensata in due giorni. Nel volume inoltre ci sono anche interviste con persone del luogo (personale ospedaliero, genitori di bambini malati, personale di Ong e affini, ecc.).
Verrà contemporaneamente inaugurata la mostra fotografica legata al tema, dal titolo “R-ESISTENZA”.
Interverranno, oltre all'autore, anche il poeta e scrittore prof. Remo Rapino, il presidente di VieDiMezzo (che presenta l'evento) Gabriele Magno e l'illustratore e designer lancianese Mirko di Francescantonio.
Ci sarà anche la proiezione del lavoro multimediale “Cernobyl, vent'anni dopo”.
È un progetto umanitario a sostegno del centro oncologico pediatrico di Minsk; l'evento è realizzato con il patrocinio dell'assessorato alla Cultura del comune di Lanciano.

L'autore:
Carlo Spera è nato a Lanciano nel 1976 e si è diplomato nel 2001 in Tecniche della narrazione nella scuola Holden di Baricco, a Bologna. Da allora alterna al lavoro di fotografo-scrittore quello di insegnante, con corsi di cinema, narratologia e fotografia sociale. Ha collaborato con diversi giornali tra i quali Repubblica e La Stampa. Il reportage fotografico “R-ESISTENZA” è stato anche trasmesso in tv nel programma “Cernobyl, vent'anno dopo” condotto da Umbro Galimberti.

E.V. 22/06/2006 9.20