Una tavola rotonda per discutere dei segnali di disagio tra gli 11 e i 14 anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

818

La pubertà e l'adolescenza: il periodo più tumultuoso della vita, caratterizzato da improvvisi sbalzi d'umore, ribellione, trasformazioni fisiche. Un periodo in cui il rapporto con la famiglia diventa conflittuale e si afferma la voglia di autonomia. Chi può dire di non averlo vissuto? E quali sono i problemi che si trovano ad affrontare i genitori di oggi?
Quali i segnali di disagio al limite della patologia? Come nascono i disturbi del comportamento alimentare, così diffusi oggi tra i giovani? All'adolescenza, passaggio obbligato per ogni essere umano, è dedicata una tavola rotonda dal titolo “Il tempo della trasformazione: i segnali di disagio tra gli 11 e i 14 anni”.
L'incontro, che si terrà venerdì 16 giugno, alle ore 16, nella sala convegni del museo d'arte Vittoria Colonna, è stato organizzato in occasione della recente pubblicazione del libro, curato dalla psicoterapeuta dell'età evolutiva Luisa Carbone Tirelli, “Pubertà e adolescenza” (Franco Angeli). Un testo che analizza gli scenari della condizione adolescenziale non solo come trasformazione propriamente biologica, ma anche come esperienza di forte disagio. Di fronte a quella che segna definitivamente il passaggio dalla condizione di bambino a quella di adulto, infatti, molti ragazzi si sentono disorientati, privi di punti di riferimento, non sanno esattamente chi sono, né come comportarsi. Si trovano ad affrontare, in altri termini, una vera e propria crisi d'identità.
L'incontro prenderà spunto del recente volume della Tirelli per affrontate, nel corso di una tavola rotonda cui parteciperanno esperti dell'argomento (molti dei quali abruzzesi e altri provenienti da fuori regione) le principali problematiche che i ragazzi si trovano a vivere nella fase che va dagli 11 ai 14 anni. Sarà focalizzata l'attenzione sul ruolo importantissimo che la famiglia rappresenta in questa fase delicata della vita dei giovani, ma sarà analizzata anche l'influenza dell' ambiente sociale in cui sono inseriti i ragazzi e il supporto di psicologi e psicoterapeuti a genitori e insegnanti che devono affrontare problemi di disagio esistenziale.
Alla tavola rotonda interverranno gli assessori comunali alle Politiche Sociali, Vittoria D'Incecco, promotrice dell'incontro insieme all' A.I.P.P.I, Associazione italiana di Psicoterapia Psicanalitica infantile, e alla Cultura, Adelchi De Collibus. Alla tavola rotonda, coordinata dal prof. Pierluigi De Iorio, direttore del Dipartimento di Salute Mentale della Asl di Pescara, prenderanno parte, oltre a Luisa Tirelli, gli psicoterapeuti Carla Candelori, dell'Università D'Annunzio e Mario Priori dell'associazione A.I.P.P.I.; Isabella Brindisi, responsabile dell'Unità operativa di Neuropsichiatria infantile della Asl di Pescara; Giorgio Misticoni, responsabile del servizio psicologia clinica della Asl di Pescara e Gemma Carlucci, presidente dell'associazione “Percorsi”. L'incontro è aperto alla cittadinanza.
In chiusura di serata, si svolgerà un breve concerto del quartetto di flauto traverso della scuola ad indirizzo musicale “Rossetti-Mazzini” Si esibiranno i giovanissimi Federica Felicetti, Arianna Granata, Fulvia Cappellini, Gialuca Camplone, tutti adolescenti, di età compresa tra i 13 e 14 anni, allievi dell'insegnante di flauto Antonella De Angelis.

14/06/2006 11.25