Il teatro degli studenti: in dialetto la tradizione perduta della transumanza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

669

CELLINO ATTANASIO. “Abruzzo da scoprire: come eravamo e come siamo”. Una recita in vernacolo abruzzese chiude il percorso didattico di ricerca intrapreso dagli studenti dell’Istituto Comprensivo del comune.
“Abruzzo da scoprire: come eravamo e come siamo”. Questo il nome del programma didattico di ricerca cui ha aderito l'istituto comprensivo.
Il tema quello della transumanza.
«Il lungo percorso di ricerca, intrapreso nei mesi scorsi dagli studenti e che ha portato gli stessi ad indagare le arti e le tradizioni del territorio», spiega il sindaco Angelo Contrisciani, «con una visita anche al Museo itinerante della Pastorizia di Castel del Monte, culminerà oggi, sabato 10 Giugno, alle ore 20.30, nella piazza Belvedere di Cellino».
I ragazzi delle classi prima media porteranno in scena la recita, interamente dialogata in vernacolo abruzzese, dal titolo “Lu fium scorre ma a volte cagn strada”.
Un modo originale per tornare a parlare di una tradizione pastorale ormai estinta, come quella della transumanza, che per larga parte del XX° secolo ha influenzato l'immaginario collettivo sull'Abruzzo, caratterizzandolo come territorio di pastori. «La recita – afferma la professoressa Maria Matani, coordinatrice del progetto, insieme al professor Francesco Petrosino e alla professoressa Giuseppina Di Sabatino - è interamente ambientata negli anni Cinquanta».
«I dialoghi inoltre – prosegue la Matani – sono recitati in vernacolo per avvicinarsi quanto più possibile alla forma linguistica tipica dei nostri pastori».
«La finalità del percorso didattico – conclude la Matani – è quella di spiegare ai bambini il fenomeno della transumanza, i motivi che ne hanno determinato l'estinzione, ribadendone l'importanza all'interno del nostro patrimonio di tradizioni». L'Istituto Comprensivo di Cellino aveva già avuto modo di mettersi in mostra, recentemente, con un altro lavoro, “L'arte del ricamo”, cui è stato riconosciuto il 1° premio nel II° concorso “L'artigianato sale in cattedra”, organizzato a Teramo dalla Confartigianato.

09/06/2006 15.54