Tutto coreano il podio del 5° premio "Camillo De Nardis"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

739

Tutto coreano il podio del 5° premio "Camillo De Nardis"
ORSOGNA. La giuria presieduta dalla cantante lirica Lella Cuberli ha premiato il baritono Park Joung Min, interprete di due brani dal ''Barbiere di Siviglia'' e dal ''Rigoletto''. Al secondo posto la soprano Shin Seung Ah, ex aequo per la terza piazza
E' tutto coreano il podio della quinta edizione del Premio internazionale ''Camillo De Nardis'' di canto lirico, che si è concluso ieri sera nel Teatro comunale di Orsogna (Chieti). Il primo premio da duemila euro - messo in palio dalla Fondazione Cassa di risparmio della provincia di Chieti - è andato al baritono Park Joung Min. Il vincitore ha 32 anni, da tempo vive a Piacenza, dove studia al Conservatorio di musica "Giuseppe Nicolini". Una voce corposa e sicura, dall'ottimo timbro, che ha convinto la giuria presieduta dalla cantante lirica Lella Cuberli.
Al secondo posto si è classificata la soprano Shin Seung Ah (premio di 1.500 euro), al terzo un pari merito per il tenore Yoon Byung Kil e la soprano Ku Su Min (mille euro). I sei concorrenti presenti in finale (in gara anche il baritono Song Hyung Bin e la francese di origini tunisine Nathalie Sekatcheff) sono stati accompagnati al pianoforte dal maestro Marco Moresco. Al concorso hanno partecipato artisti provenienti da Italia, Corea del Sud, Giappone, Francia, Grecia, Tunisia e Cipro.
Il vincitore, Park Joung Min, ha interpretato "Largo al factotum della città", dal "Barbiere di Siviglia" di Rossini, e "Cortigiani, vil razza dannata", dal "Rigoletto" di Verdi. I premi sono stati consegnati dall'architetto Mario Di Nisio, presidente della Fondazione Cassa di risparmio della provincia di Chieti.
Il concorso è dedicato a Camillo De Nardis (Orsogna, 1857 - Napoli, 1951), compositore, direttore d'orchestra, docente nei conservatori di Napoli e Palermo, autore di opere come "Stella" e "Scene abruzzesi", nonché di sinfonie, musiche sacre e da camera.
La serata ha visto un'ottima partecipazione di pubblico, come ha sottolineato il sindaco di Orsogna, Alessandro D'Alessandro, «segno dell'attenzione - ha detto - che la nostra cittadina riserva per tradizione alla musica di qualità».
Il presidente della Giuria, Lella Cuberli, ha definito molto buono il livello dei partecipanti e ha augurato loro di saper utilizzare esperienze come questa per affinare la loro arte e affermarsi nel mondo della lirica.
Della giuria hanno fatto parte anche il pianista Robert Kettelson, l'agente teatrale Giuseppe Oldani, Sergio Segalini, direttore artistico del Teatro "La Fenice" di Venezia e del Festival di Martina Franca, e il direttore di coro Mario Tenaglia.
Il Premio "De Nardis" è promosso dal Comune di Orsogna con il patrocinio e il sostegno della Fondazione Cassa di risparmio della provincia di Chieti, insieme al Ministero per i Beni e le attività culturali, alla Presidenza della Giunta regionale d'Abruzzo e alla Provincia di Chieti. L'organizzazione è stata curata da un apposito comitato, coordinato dal consigliere comunale Fiorella Perinuzzi e presieduto da Mario Tenaglia: ne fanno parte Concetta Cavicchia, Livia Ceccarossi, Gianni D'Alleva, Maria D'Alleva, Tina Di Cesare, Paolo Di Scipio, Lalla Iocco, Francesco Mosca. La serata finale è stata presentata dalla giornalista Marina Moretti.
L'appuntamento è per il prossimo anno, quando si svolgerà il Premio internazionale di corno dedicato a Domenico Ceccarossi (1910-1997), il "principe dei cornisti", anch'egli originario di Orsogna.

04/06/2006 18.31