Respiri di Scena 2010, si parte il 9 febbraio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6160



ORTONA. La rassegna di teatro contemporaneo “Respiri di scena”, leverà il sipario il 9 febbraio con “Così è (se vi pare)” prima produzione di Teatri d'Abruzzo.
A seguire il 23 febbraio Armamaxa Teatro e Teatri Abitati di Ostuni presentano “1981- all'inizio dell'era del godimento”, uno spettacolo che ricorda la tragedia di Vermicino per raccontare i cambiamenti sociali degli anni ottanta.
Il 3 marzo sarà la volta del Laboratorio Teatrale dei genitori di via Bosio “da grande voglio crescere” di Chieti, un gruppo di non professionisti che affrontano l'arte del teatro con passione e rigore riproponendo “Le Troiane” di Euripide.
Arti e Spettacolo/Icarus de L'Aquila propongono il 9 marzo “dalla poesia di Fabrizio de André al terremoto”, tra le canzoni di De Andrè e il sisma del sei aprile per testimoniare e riflettere .
Il 16 marzo la compagnia Diaghilev di Bari propone “Lezioni di piano.
Un concerto teatrale dedicato all'opera di Jane Campion e Michael Nyman per rappresentare la passione amorosa.
“Metamorfosi. Il sogno e la prova” è spettacolo conclusivo del percorso laboratoriale sulle forme e i contenuti dell´opera shakespeariana Sogno di una notte di mezza estate che ha visto coinvolti gli studenti di Lettere e Filosofia della d'Annunzio con la guida del regista Antonio Tucci del Teatro del Krak. A chiudere il 9 aprile sarà la Dama Bianca Teatro di Sassuolo (Modena) che porta in scena “Il corpo di Totò”.
Spettacolo scritto, diretto ed interpretato dal talentuoso Marco Manchisi che con questa performance confessa di essere da sempre ossessionato dal personaggio di “Totò”, da quell'ultima maschera di Commedia dell'Arte che celava l'umanissimo Antonio de Curtis.
L'inizio degli spettacoli è previsto per le 21 e15 e il biglietto d'ingresso è di 5 euro. Per “Il corpo di Totò” il biglietto è di 10 euro.

08/02/2010 9.51