Cristicchi "ricicla" canzone. Una giornalista abruzzese se ne accorge.

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1668

SANREMO. A PrimaDaNoi.it la giornalista Lisa De Leonardis racconta la sua scoperta. Lei il pezzo lo aveva già sentito. Era stato inciso nel 1996 e cantato al festival "Voci di domani" AGGIORNAMENTO 17.11  

SANREMO. A PrimaDaNoi.it la giornalista Lisa De Leonardis racconta la sua scoperta. Lei il pezzo lo aveva già sentito. Era stato inciso nel 1996 e cantato al festival "Voci di domani"





AGGIORNAMENTO 17.11


 


LANCIANO. Una canzone orecchiabile. Senza ombra di dubbio. Tanto che Lisa de Leonardis, giornalista di Abruzzo Oggi, se la ricordava a distanza di quasi 10 anni.
Una canzone che ha funzionato al festival pescarese “Vocidomani” nel 1996 e che sta funzionando – almeno fino ad ora – anche a Sanremo. Simona Cipollone, l'autrice e cantante del brano "originale", se non altro, ha avuto il suo momento di celebrità.
La scoperta da parte della giornalista de Leonardis è stata fatta durante la prima serata del festival. Nonostante il calo di ascolti lei era lì, davanti al televisore, e ha sentito quel ritornello tanto orecchiabile.
«Mi sono subito accorta che quella canzone non mi suonava nuova», ha raccontato Lisa De Leonardis a Primadanoi.it.
«Ho fatto una breve ricerca e mi sono ricordata di quell'edizione di “Vocidomani” alla quale avevo partecipato. Poi mi è tornato in mente che avevo persino il cd che raccoglieva le canzoni di quell'edizione».
Alla giornalista è bastato ritrovare il cd e ascoltare “Embè”.
Così, infatti, si intitolava all'epoca il brano cantato da Simona Cipollone di Lanciano, che però da diversi anni vive a Roma, dove con il nome d'arte di Momo lavora nel campo artistico.
«Il testo è identico alla canzone portata a Sanremo da Cristicchi – racconta ancora la giornalista – e in parte lo è anche la musica, con l'unica differenza che Simona Cipollone l'aveva eseguita solo al pianoforte, mentre Cristicchi ha a disposizione l'orchestra del Festival».
Un'intuizione, quella della giornalista, che però non avrà ripercussioni sull'esibizione di Cristicchi. Se, infatti il regolamento del festival pretende che le canzoni siano inedite, precisa anche che l'eliminazione del concorrente dalla gara possa avvenire entro 5 ore dalla prima esecuzione in prova a Sanremo. Cosa che non è avvenuta.
Simona Cipollone, con tutta probabilità, ha deciso di giocarsi la chance sanremese evitando di dire che la canzone era già stata pubblicata.
Comprensibile, d'altra parte, vista l'importanza di una vetrina come Sanremo per una ragazza che aspira ad affermarsi come artista. E che era orgogliosa del suo pezzo Simona Cipollone l'aveva rivelato allo stesso quotidiano Abruzzo Oggi in un'intervista proprio sulla sua partecipazione, in qualità di autrice del brano di Cristicchi, alla kermesse sanremese. Simona aveva raccontato della sua amicizia con Cristicchi e di come questa sua canzone fosse nata «dal mio amore per tutto ciò che è arte». Non aveva voluto rivelare molto sulla canzone e sui motivi che l'avevano indotta a scriverla, né aveva raccontato di come, o quando, fosse nata.
Ai “maligni”, a questo punto, verrà da dire: «Ora capisco perché».
Daniela Di Cecco

01/03/2006 17.15


LE PRIME NOTIZIE DELLA SCOPERTA
Lisa De Leonardis, giornalista del quotidiano “Abruzzo Oggi” si accorge che la canzone di Simone Cristicchi in gara al Festival di Sanremo ha qualcosa di “vagamente familiare”. L'intuizione porta ad una clamorosa scoperta: il brano è già stata cantato al festival “Vocidomani” vinto da Valerio Di Rocco, ex concorrente della scuola televisiva di Maria De Filippi.
Niente plagio, però, perché nella canzone di Cristicchi compare, come coautrice del testo, proprio Simona Cipollone la cantante che scrisse e cantò la canzone nel 1996 e che la incise con l'etichetta pescarese Stop Musique.
Il brano all'epoca si chiamava “Embè”, come recita oggi lo stesso ritornello del brano Sanremese, portato "ufficialmente all'Ariston dal simpatico interprete diventato famoso per la canzone “Vorrei cantare come Biagio Antonacci”.
Ieri sera Cristicchi ha passato anche il turno nella categoria giovani e si esibirà nuovamente giovedì.

La giornalista di Lisa De Leonardis ha raccontato di essersi accorta subito della somiglianza del brano con un'altra canzone. «Quando l'ho ascoltato per la prima volta, lunedì sera ero certa di averlo già sentito». Convinta, ha ritrovato anche il cd con quella canzone, praticamente identica a quella proposta a Sanremo.
Cristicchi probabilmente non verrà espulso dalla gara canora perché, come stabilisce lo stesso regolamento, nessuno ha eccepito l'originalità del pezzo entro 5 giorni dalla prima esecuzione in prova a Sanremo e Cristicchi ha provato il 15 febbraio.

01/03/2006 14.36