Alessandro Preziosi a Pescara con il musical "Datemi Tre Caravelle"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2244

Alessandro Preziosi  a Pescara con il musical "Datemi Tre Caravelle"
Il conto alla rovescia è iniziato.
Da lunedì 6 marzo inizieranno a Pescara le prove del Musical “Datemi Tre Caravelle” che verrà portato sul palcoscenico del Circus i giorni 10 e 11 marzo.
Un'anteprima dello spettacolo che debutterà a Roma il 14 marzo (in programmazione al teatro Sistina fino al 9 aprile) e che, grazie alla proposta dell'associazione Adricesta e alla collaborazione tra le principali istituzioni locali, avrà proprio a Pescara il debutto nazionale.
Lo spettacolo aveva esordito la scorsa estate a Taormina, e poi era stato rappresentato a Genova (in occasione delle “Colombiani”) a Milano e a Torino. Ma quello di Pescara e di Roma sarà un “nuovo allestimento” che proprio per questo motivo necessiterà di cinque giorni di prove sul posto. Lo stesso spettacolo “volerà” a New York nell'ottobre 2006, in occasione del “Columbus Day”. Dunque una straordinaria occasione per il pubblico di Pescara e della regione:con questo appuntamento il capoluogo adriatico sarà inserito come tappa privilegiata di una tournée di tutto rispetto.
D'altronde Alessandro Preziosi non poteva non raccogliere l'invito dell' Adricesta Onlus, l'associazione che si occupa della donazione e del trapianto delle cellule staminali, che, con il suo progetto “Un buco nel muro” lo aveva coinvolto in prima persona, fino a fargli decidere di diventare testimonial dell'associazione stessa.
Ed è così che ha accettato con entusiasmo la proposta di Carla Panzino, presidente di Adricesta, di portare a Pescara il suo musical sulla vita e l'opera di Cristoforo Colombo. Iniziativa subito recepita dalla Provincia di Pescara, che con il Comune, la Presidenza del Consiglio della regione Abruzzo, e la Fondazione PescarAbruzzo, ha dato vita ad una rete istituzionale di solidarietà.
«La realizzazione di questo spettacolo a Pescara ha costituito una meravigliosa occasione per contribuire alla realizzazione di un progetto di solidarietà, attraverso la collaborazione tra le Istituzioni e tra queste e il mondo del volontariato – ha dichiarato il presidente della Provincia Giuseppe De Dominicis -. Provincia solidale non è solo uno slogan, ma rappresenta un modo diverso di governare, in armonia con le altre istituzioni e in attuazione del principio di sussidiarietà verso tutto quel mondo del volontariato che si occupa concretamente dei bisogni delle persone in condizioni di disagio e di sofferenza».
Le Istituzioni che hanno raccolto l'invito a sostenere le spese per l'allestimento dello spettacolo, infatti, contribuiranno indirettamente al finanziamento del progetto di dotare le camere sterili dei bambini costretti a lunghe degenze in ospedale di computer collegati ad internet e di webcam: “un buco nel muro” dell'isolamento al quale sono costretti dalla malattia.
L'incasso ai tre spettacoli, infatti, sarà interamente devoluto all'associazione che, a partire da Pescara, opera ormai in ogni regione d'Italia con lo stesso obiettivo: migliorare le condizioni di vita dei piccoli pazienti ricoverati negli ospedali pubblici e costretti a lunghe terapie, assicurando loro una comunicazione con il mondo esterno: fratellini, compagni di scuola, amici che spesso si trovano anche a molti chilometri di distanza.



 Note sullo spettacolo

Alessandro Preziosi, tolte definitivamente le vesti settecentesche di Fabrizio Ristori, protagonista di “Elisa di Rivombrosa”, si dedica ora alle attività artistiche che più lo gratificano: quelle di attore di teatro, cantante, perfino ballerino. Un artista completo e versatile, che ha creduto nella produzione di questa commedia musicale tutta incentrata sulla figura del navigatore genovese, combattuto tra dubbi, timori e con un particolare rapporto con la fede. Un eroe coraggioso audace, sognatore, solo contro tutti, che comunica valori forti, come quello di credere nei sogni, nei progetti apparentemente irrealizzabili, e di combattere contro i pregiudizi per poterli realizzare. L'opera contiene però anche un messaggio verso i giovani, che vengono incitati, come ha fatto Colombo, a credere nei propri sogni: egli, infatti, è mosso da una fiducia incrollabile nelle capacità dell'uomo e nelle sue capacità di basare la propria esistenza su un ideale umano, un sogno da realizzare nell'unica vita certa che gli è data di vivere. Ed è proprio per questa ragione, che nella prima delle tre rappresentazioni, lo spettacolo, venerdì 10 marzo alle 10, sarà riservato agli studenti delle scuole Medie, Superiori e Universitari.

“Datemi Tre Caravelle” è una commedia musicale in due atti scritta da Carmelo Pennisi e Massimiliano Durante (gia autori della fiction sul Papa Giovanni Paolo II). La regia è di David Scheinmann, conosciuto ed affermato artista di fama internazionale (direttore della fotografia nel film Oscar "Billy Elliot"). Le musiche del compositore jazz Stefano Di Battista. La scenografia è di Riccardo Monti, le coreografie di Gloria Pomardi.Affiancano Alessandro Preziosi gli attori Noemi Smorra (Beatrice) Andrea De Venuti (Alfonso De Agar), Luigi Di Fiore (Enrico Di Guzman) Stefano De Sando (Padre Marchena) Jacopo Sarno (Diego, figlio di Colombo), Anna Vinci (Isabella Di Pastiglia) Paolo Bianchini (Ferdinando d'Aragona).

25/02/2006 13.54