Una musica di Davide Cavuti nel film di Michele Placido

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9050


FRANCAVILLA AL MARE. C'è anche l'artista francavillese nell'ultimo film di Michele Placido in concorso alla 66° Mostra del Cinema di Venezia e che debutterà sul grande schermo l'11 settembre prossimo.
Il brano “Il Grido” composto da Davide Cavuti è inserito come commento musicale ad una scena dell'occupazione studentesca presso l'Università la Sapienza di Roma in cui lo stesso Cavuti compare, vestito da studente sessantottino, e con una fisarmonica dell'epoca.
«E' stata un'esperienza molto bella ed emozionante – afferma Davide Cavuti - stare per giorni sul set de Il Grande Sogno e successivamente nella fase di montaggio del film mi ha insegnato molto visto che fino ad allora non avevo mai lavorato per il cinema. Quando Placido mi ha chiamato un anno fa, a luglio 2008, per la scena dell'occupazione dell'università, ho pensato subito ad una musica che esprimesse lo stato d'animo degli studenti del ‘68; sul set ho registrato dal vivo la musica in presa diretta con il fonico Bruno Pupparo e successivamente a marzo scorso sono andato in sala di incisione presso la Forum di Roma per la registrazione con l'orchestra».
Accanto ai protagonisti Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca e Luca Argentero, il cast del film si completa con la partecipazione di Laura Morante, Silvio Orlando e Massimo Popolizio; prodotto dalla Taodue Film di Pietro Valsecchi, il Film di Michele Placido, in anteprima al Festival di Venezia il 9 settembre. Nella colonna sonora, scritta da Nicola Piovani, che verrà pubblicato in un disco edito da Mediaset e da RTI, ci sarà anche il brano “Il Grido” di Davide Cavuti.
“Il grande sogno” è un film ambientato in Italia nel 1968, quando i giovani sognavano di cambiare il mondo, quando le regole venivano infrante, l'amore era libero e tutto sembrava possibile. Nicola, (Riccardo Scamarcio) un bel giovane pugliese, è poliziotto ma sogna di recitare e si trova, invece, a dover fare l'infiltrato nel mondo studentesco in forte fermento. All'università incontra Laura (Jasmine Trinca), una ragazza della buona borghesia cattolica, brillante e appassionata studentessa che sogna un mondo senza ingiustizie, e Libero (Luca Argentero), uno studente-operaio, leader del movimento studentesco che sogna la rivoluzione.

Cavuti ha firmato le musiche originali per numerosi spettacoli teatrali quali: “Popoli del Mondo” con Cecilia Gasdia e Ugo Pagliai; “1000 metri sotto terra – verso Marcinelle” con Milo Vallone, “I Fatti di Fontamara” per il Teatro di Roma; “Desde el Alma” con Caterina Vertova; “Prima che il Sogno…” con Giorgio Albertazzi e Michele Placido sempre per il Teatro di Roma.
Nel 2009 ha collaborato con Katia Ricciarelli, Kim Rossi Stuart e Giancarlo Giannini.
Premio Astor Piazzolla nel 1999 ad Ischia, Cavuti si è esibito in Italia e all'estero con Le Grand Tango Ensemble ed è attivo anche come autore letterario e teatrale di numerose opere rappresentate con la partecipazione dei più grandi nomi del teatro italiano: Alessandro Haber, Paola Gassman, Arnoldo Foà, Ugo Pagliai, Mariangela D'Abbraccio, Flavio Bucci, Vanessa Gravina, Paolo Bonacelli. Ha pubblicato nel 2008 il disco “Tango or not Tango” con Paolo Di Sabatino e la partecipazione di Javier Girotto e Paola Turci.


10/09/2009 12.39