6 maggio 2009 ore 3.32: debutta il singolo pro Abruzzo con 56 cantanti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3275

ROMA. Cinquantasei cantanti italiani uniti per l'Abruzzo: obiettivo devolvere i proventi di un cd singolo e di un video (durata 6' e 32'') alla ricostruzione e al restauro del conservatorio "Alfredo Casella" e della sede del teatro stabile d'Abruzzo de l'Aquila.
A cantare "Domani 21/04/09", giorno in cui gli artisti si sono ritrovati tutti assieme alle Officine meccaniche di Milano per registrare il brano, sono Afterhours, Niccolò Agliardi, Albano, Alioscia, Malika Ayane, Claudio Baglioni, Franco Battiato, Baustelle, Samuele Bersani, Bluvertigo, Caparezza, Luca Carboni, Caterina Caselli, Carmen Consoli, Cesare Cremonini, Dolcenera, Elio e le Storie Tese, Elisa, Niccolò Fabi, Fabri Fibra, Giusy Ferreri, Tiziano Ferro, Eugenio Finardi, Frankie Hi Energy, Giorgia, Gianluca Grignani, J.Ax, Jovanotti, Ligabue, Mango, Gianni Maroccolo, Marracash, Gianni Morandi, Morgan, Gianna Nannini, negramaro, Negrita, Nek, Roy Paci, Pacifico, Mauro Pagani, Giuliano Palma, Laura Pausini, Piero Pelù, Max Pezzali, Massimo Ranieri, Francesco Renga, Ron, Enrico Ruggeri, Antonella Ruggiero, Sud Sound System, Tricarico, Roberto Vecchioni, Antonello Venditti, Mario Venuti, Zucchero.



Hanno suonato: Violino: Mauro Pagani, basso: Saturnino, Francky (Negrita), chitarre: Emanuele Spedicato (negramaro), Riccardo Onori e Cesare Mac Petricich (Negrita), piano e tastiere: Eros Cristiani e Andrea Mariano (negramaro), hammond organ: Vittorio Cosma,
batteria e percussioni: Joe Damiani, Danilo Tasco (negramaro), tromba: Roy Paci.

Il progetto, che porta la firma di Pagani, Jovanotti e Giuliano dei Negramaro, ha coinvolto in totale 56 artisti e il patrocinio della Sugar di Caterina Caselli.
Il brano debutta in radio la notte del 6 maggio alle 3,30 e sara' in vendita dall'8 maggio in tutti gli store digitali e dal 15 maggio nei negozi di dischi.
Questa versione contiene il brano, l'esecuzione strumentale e il video.
«E' stata una missione impossibile e per questo ancora piu' bella», ha commentato Caterina Caselli durante la presentazione del video nella leggendaria Sala A di via Asiago a Roma.
«Sarebbe bello - ha poi detto Jovanotti se riuscissimo a vendere 1 milione di cd e altrettanti file». Un grande aiuto per la ricostruzione - ha aggiunto il Negramaro Giuliano - che durera' negli anni grazie ai diritti d'autore. In questa chiave il disco aiutera' molto piu' di un concerto».
Il disco e il video sono dedicati «a chi lavora per la ricostruzione».
Lo ha ripetuto piu' volte Mauro Pagani: «Pagherei - ha aggiunto - per rimettere i quadretti al loro posto nelle case, per mettere di nuovo gli spazzolini nei loro bicchieri, per riporre i giochi dei bambini negli scatoloni».
Un po' commosso ha chiarito:«Vorrei fare un rewind e tornare a un secondo prima del terremoto. Invece resta solo una certezza: gli anziani perderanno l'odore delle loro stanze».
Il disco ricorda Musicaitalia per l'Etiopia. Un progetto voluto da David Zard che nel 1986 riuni', sulla scia dell'americano "We are the World", Lucio Dalla e Fabrizio De Andre', Angelo Branduardi, Loredana Berte', Gianna Nannini, Vasco Rossi, il Banco.
Il 45 giri offriva una rilettura di "Volare", l'immortale canzone di Domenico Modugno. La differenza tra le due operazioni e' che per "Domani" gli artisti si sono ritrovato fisicamente a Milano mentre per "Volare" tutti i cantanti registrarono la propria parte che venne successivamente mixata.

05/05/2009 16.32