Sottopaga, non si paga! La pièce di Fo a Vasto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2857



VASTO. Venerdì 13 marzo alle ore 21.00 andrà in scena al Teatro Globo di Vasto Sotto paga non si paga, esilarante pièce di Dario Fo, andata in scena per la prima volta nel 1974.
L'opera trae spunto dalle lamentele di un gruppo di donne della periferia di Milano che, andando a fare la spesa, si ritrovavano con i costi aumentati a dismisura. Nella messa in scena le stesse decidevano di pagare metà prezzo rispetto alla cifra imposta. Metà prezzo esatto!
Il racconto era pura fantasia, ma di lì a qualche mese si trasformò in realtà.: donne e uomini presero d'assalto due supermercati e pagarono la loro spesa esattamente la metà della cifra che si ritrovarono sullo scontrino.
Il copione fu addirittura superato in immaginazione: qualcuno andò via portandosi appresso qualche pacco di riso e qualche bottiglia senza pagare. In molti furono arrestati. Il processo fu istruito in brevissimo tempo.
Qualche mese dopo, in un altro supermercato di zona Garibaldi, sempre a Milano, si ripeté esattamente la stessa scena. Così rievoca i fatti Dario Fo: «Sui giornali comparve la notizia che un centinaio di donne partecipanti all'azione reale, appoggiate da alcuni operai “casualmente” in sciopero, avevano addirittura ripetuto le stesse battute che Franca Rame recitava ogni sera sulla scena. Ci fu un quotidiano, esattamente il "Giornale Nuovo", allora diretto da Montanelli ed edito da Berlusconi, che accusò i teatranti di essere con la loro commedia i veri ispiratori morali del reato. Ad ogni modo durante il processo venne riconosciuto che i prezzi imposti dal supermercato erano delle vere e proprie rapine. Alla fine furono tutti prosciolti da ogni accusa, perché il fatto non costituiva reato».
In poche parole, il tribunale stabilì che quei clienti avevano pagato il giusto valore della merce.
Chissà se oggi questa rimessa in scena ripeterà lo stesso iter satirico e grottesco che si verificò al suo debutto? Succede spesso che la realtà copi dall'immaginazione scenica – anche una o più volte.

11/03/2009 13.46