Andrea Rivera a L'Aquila e Città Sant'Angelo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2261


L'AQUILA. Giovedì 19 febbraio all'Aquila al Teatro San Filippo e venerdì 20 al Comunale di Città Sant'angelo Andrea Rivera metterà in scena Prossime Aperture, accompagnato da Lisa Lelli e Matteo D'Incà (chitarre, contrabbasso, mandolino…e tutto quello che capita), insieme a lui sul palco.
Andrea Rivera è un personaggio conosciuto dal popolo delle notti trasteverine; insieme alla sua chitarra ha incantato diverse centinaia di persone ogni sera con le sue esibizioni di teatro-canzone. Negli anni passati a fare l'artista di strada, denunciando tutto quello che non leggiamo sui giornali perché «scritto in trafiletti laterali troppo piccoli», e analizzando le mode dei passanti annoiati dal solito sabato sera, Rivera ha cercato così un nuovo modo di comunicare, che gli è valso la menzione della giuria al Premio Gaber. E' noto al pubblico televisivo anche per i suoi interventi comici (nei panni di un "citofonista") nella trasmissione di Serena Dandini Parla con me, di cui ha interpretato e scritto, con Lisa Lelli, la sigla finale.
Prossime aperture è una personale e sincera galleria di sentimenti. Violento e irriverente, a volte spiazzante, ma spesso altrettanto poetico, Rivera parla di noi, dei nostri limiti, dei nostri vizi, della politica e delle speranze, dimenticate o svendute. Lo fa con monologhi, canzoni, interviste esilaranti, dialoghi surreali e citofonate (il particolare sistema comunicativo che Rivera dedica ai Comizi d'Amore di Pasolini).
Nel contesto serio del teatro, Andrea Rivera porta l'ironia di strada, l'improvvisazione con il pubblico e lo sfottò generale che si fonde alla denuncia. Il mondo che descrive e deride è quello di una società corrotta dal cinismo televisivo e da verità preconfezionate. La cura che propone, con le sue provocazioni e i suoi sberleffi, è la curiosità dissacrante, ma anche ingenua, quella che si trova nella migliore letteratura e nella riscoperta del mondo delle favole.