Esce il primo cd di Luca Mongia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5054

Esce il primo cd di Luca Mongia
PESCARA. Il giovane artista pinetese presenterà “Io e te” insieme alla sua band al Sanacore di Pescara, oggi, sabato 17 gennaio alle 22:30. Una sintesi di blues, soul e musica d'autore italiana.

Luca Mongia ha preso in mano la sua prima chitarra a sei anni. A 14 ha lasciato il conservatorio perchè era un ambiente “troppo freddo”. Oggi, quattro gruppi, 15 chitarre, tre batterie e un pianoforte, esce il suo primo cd prodotto da una casa discografica. La passione è la stessa delle innumerevoli serate passate a suonare nei locali e nelle piazze di tutta Italia in circa più di dieci anni di carriera.
Accompagnato nel cd dal piano Rhodes e dall'organo Hammond di Fabrizio Ginoble, dalla batteria di Bruno Marcozzi e dal sax di Fabrizio Mandolini, Luca, voce e chitarra, si destreggia tra generi solo apparentemente distanti tra loro. L'immediatezza dei ritmi black si fonde con l'attenzione per i testi tipica della nostra tradizione.
«Dopo tante esperienze live tra club, teatri e festival – ci dice – ho sentito l'esigenza di qualcosa che mi caratterizzasse di più, che mi desse la possibilità di esprimermi in un linguaggio più vero, più unico, più mio».
Brani personali, quelli di Luca.
Come “Sensazioni in volo”, che ricorda l'emozione nell'affrontare la platea del suo festival più importante, il Pistoia Blues del 2004, o come “Io e Te”, il singolo che da il titolo al cd, dedicata, in un modo che poco o nulla concede alla tristezza, a un amico scomparso.
Una sola cover, perchè, dice, «non voglio guadagnarmi da vivere con le canzoni degli altri»: “Parlami d'amore Mariù”, un classico portato a nuova vita dall'organo Hammond e dai ritmi R&B.
Un musicista vero, che ama suonare on the road.
Letteralmente. Nel corso della chiacchierata Luca ci racconta di quando con la sua band andò a Roma, in Piazza del Popolo.
Musicisti di strada, «perchè è in questo modo che capisci se arrivi alla gente, quando vedi che si fermano e ti applaudono».
In una di queste jam sessions, ci rivela, una coppia si complimentò con loro e acquistò il cd. Erano Stefano Di Battista e Nicky Nicolai, jazzisti di fama internazionale e vincitori, tra l'altro, di un Festival di Sanremo.
«La nostra forza è nelle serate live», ci dice Luca. Quello al Sanacore di via Marco Polo sarà un concerto vero, dove oltre ai cinque brani dell'album verranno suonati molti altri pezzi, fra cui una versione jungle di “Amarsi un po'” di Lucio Battisti. Inizio alle 22:30.

17/01/2009 10.15

[url=http://www.myspace.com/lucamongia]ASCOLTA I BRANI DI LUCA MONGIA SU MYSPACE[/url]