Rap e censura, gli Assalti Frontali tengono lezione alla Università D’Annunzio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1672



PESCARA. Gli Assalti Frontali sono stati invitati dall'Università d'Annunzio di Pescara per un appuntamento decisamente singolare: sabato 6 dicembre alle ore 11.15, presso la sede della Facoltà di Scienze Manageriali in via Tirino.
Il gruppo romano terrà una speciale lezione sul rap. L'ingresso è libero.
Molto probabilmente, l'occasione sarà propizia anche per parlare della presunta “censura” di cui la band è stata vittima in questi giorni: gli Assalti Frontali, infatti, sono reduci da una polemica con il Ministero della Salute, reo di aver oscurato una loro canzone pubblicata qualche settimana fa proprio sul sito del Ministero.
Il leader della band, Luca, aveva pubblicamente auspicato, durante il Mei (Meeting delle Etichette Indipendenti) di Faenza, «che il Ministero della Salute rimetta on line sul proprio portale la nostra canzone entro il 1° dicembre».
Luca si riferiva a “Quando sei lì per lì”, brano commissionato dal Ministero proprio agli Assalti Frontali in occasione della giornata mondiale contro l'Aids, prevista appunto per lo scorso lunedì 1° dicembre: il pezzo in questione era stato pubblicato sul sito già da qualche giorno, ma poi era stato rimosso per non meglio precisati “problemi tecnici”.
In realtà, poiché si tratta di una canzone in cui per la prima volta in Italia si usa in ambito istituzionale la parola “preservativo”, è facile pensare ad un suo possibile oscuramento, il tutto all'insaputa della band.
Dove sarà la verità? Sta di fatto che, per il momento, “Quando sei lì per lì” è stata suonata dagli Assalti Frontali durante il Mei, evento tenutosi nello scorso weekend.
Una lezione sul rap dovrà essere incentrata, necessariamente, anche sulla libertà di pensiero.

Massimo Giuliano 05/12/2008 8.47