"Lu sant’antonie": edizione 2006

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1410

FRANCAVILLA AL MARE. Una serie di iniziative per non disperdere il patrimonio della tradizione contadina abruzzese. Il calendario degli appuntamenti
Tre mesi di prove per la seconda edizione de “Lu Sant'Antonie”.
Una intera contrada di Francavilla al mare coinvolta: bambini, adulti, anziani e intere famiglie, ognuno con il suo ruolo per il tradizionale “Sant'Antonie”.
L'anima dell'evento è Gabrilele Patricelli che, nel corso del 2003, ha messo nero su bianco il copione della rappresentazione, passando dalla tradizione orale a quella scritta.
«Sono felice dell'entusiasmo e dell'impegno dell'Associazione Voce del Foro» afferma Patricelli, «che mi ha appoggiato in questa impresa. Mai, avrei pensato di avere tanto seguito e impegno da parte degli abitanti della mia contrada. Ognuno ha il suo ruolo: c'è che recita, chi suona la “Du Botte”, chi mi aiuta nell'organizzazione del calendario delle rappresentazioni. È uno spettacolo, nello spettacolo. Tutti alla ricerca della tradizione».
Ed ecco il calendario:
14.01.06 ore 20,30 Sala San Rocco – PALOMBARO
15.01.06 ore 17,00 Auditorium Sant'Anna – ORTONA
15.01.06 ore 20,30 Sala Cristo Ré – ORTONA
17.01.06 ore 20,30 Sala Comunale – RIPA TEATINA
21.01.06 ore 20,30 Hotel Verna c.da Savini – ORTONA
22.01.06 ore 17,00 palazzo Sirena – FRANCAVILLA AL MARE
22.01.06 ore 20,30 Sala Parrochia Angeli Custodi – FRANCAVILLA AL MARE

13/01/2006 13.23

A TOLLO

“Da pericule, male e lambe, Sant'Antonie ce ne scampe”: è uno dei detti popolari che la tradizione contadina dedicava a Sant'Antonio Abate, protettore degli animali, festeggiato il 17 gennaio di ogni anno in diversi centri abruzzesi con una rappresentazione itinerante, a metà tra teatro e canzone.
La statua con l'immancabile maialino veniva portata in processione.
I contadini in costume, riuniti in brigate, vagavano per le case, accompagnando con arnesi da cucina (usati come strumento musicale) i loro canti e le filastrocche ispirate alla vittoriosa e tragicomica tenzone tra il santo e il diavolo.
Una festa semplice, sana, divertente, che il Gruppo “Sant'Antonio” di Tollo (Chieti) rinnoverà e rappresenterà da domani – sabato 14 gennaio – a martedi' 17 gennaio in paese e nei centri vicini, portando musica, canti ironici e divertenti, tanta allegria.
Il primo appuntamento in calendario è dunque domani alle ore 20 a Villa Consalvi di Crecchio.
Domenica 15 l'appuntamento sarà alle ore 15 al residence per anziani “La Casa del sole” di Orsogna; alle 16 alla Cooperativa di Villa Tucci di Crecchio; alle 16.45 a Colle Secco di Tollo; alle 17.30 all'Oasi Ballarò di Canosa Sannita; alle 18.15 a Piane Mozzone di Tollo; alle 19 a Colle Cavalieri di Tollo; alle 20 alla Sala civica di Miglianico; alle 20.50 a Venna Capanne di Tollo.
Le rappresentazioni proseguiranno lunedì 16 dalle ore 18 al bar Angioletta e, alle 18.45, al bar Las Vegas di Tollo; alle 19.30 in contrada Motrino di Tollo e, alle 20.15, in contrada Savini, nei pressi dell'Hotel Verna di Ortona; finale alle 21 al bar Mino di Tollo.

In tutta Tollo si svolgerà, martedì 17, la giorna della vera e propria festa del santo: si partirà alle ore 15.30 dalla scuola elementare, proseguendo alle 16.15 in contrada Macchie; alle 17 al bar La Torre; alle 17.50 a Santa Lucia, presso il ristorante; alle 18.50 nella chiesa Maria SS. Assunta; alle 19.30 in contrada Sabatiniello e alle 20.15 in contrada Venna.

13/01/2006 14.34