Penne. Elisa Ridolfi in concerto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

851

Appuntamento con la musica di qualità domenica 15 gennaio alle ore 18.00 a Penne.
Nella bella chiesa benedettina di S. Maria in Colleromano, la cui costruzione risale al tredicesimo secolo si diffonderanno le intonate malinconie “tanghere” o le dolci armonie della “bossa” di Elisa Ridolfi, cantante italiana di etno-music, che nell'occasione sarà accompagnata dai chitarristi Alejandro Fasanini e Riccardo Bertozzini.
Il primo ha curato i testi e gli arrangiamenti dei brani in portoghese e spagnolo mentre il secondo ha curato la produzione di quei brani inediti italiani che sono presenti nell'ultima produzione della giovane cantante. All'interno di quel genere particolare che è l'etno-music, la Ridolfi ha realizzato un progetto musicale denominato “A Rua Amarela” che idealmente ripercorre, in musica e parole, le grandi città su vie d'acqua che nel primo Novecento hanno fatto da scenario ai massicci esodi degli emigranti europei in cerca di fortuna.
In questo viaggio musicale a ritroso la Ridolfi ha rivisitato le sonorità di quei luoghi, rimodellandole secondo la propria inclinazione musicale e dando vita ad un prodotto che, comunque, non tralascia la vena melodica tipica della tradizione musicale italiana del secolo scorso.
Questa produzione vede la luce dopo le recenti collaborazione che la Ridolfi ha avuto con Lucio Dalla e Beppe Servillo e completa un curriculum artistico che può annoverare compartecipazioni significative con Eugenio Finardi, Francesco Di Giacomo, Marco Poeta. L'iniziative, che ha avuto il patrocinio del Comune di Penne e della Provincia di Pescara, è scaturita nell'ambito delle attività promosse da “Il Laboratorio Musicale – area vestina” che sotto la direzione artistica del musicista Pino Ruggieri associa alla promozione ed all'insegnamento delle discipline musicali anche l'organizzazione di eventi artistici significativi.
A tal riguardo il maestro Pino Ruggieri ha sottolineato che «questo evento è stato organizzato in uno dei più interessanti scenari architettonici della Provincia di Pescara: mi è parso del tutto naturale ed interessante cercare di coniugare Musica & Arte scegliendo luoghi di notevole interesse storico architettonico per lo svolgimento di iniziative come i concerti di musica etnica. La stessa scelta di optare per un'artista incline a proporre generi musicali inusuali e non facilmente rinvenibili nelle iniziative locali fa capire quanto possa essere vasto e stimolante il mondo della musica moderna così come lo è stato il talento di coloro che, precedendoci di diversi secoli, hanno realizzato meraviglie architettoniche come quella di S. Maria in Colleromano».
11/01/2006 10.22