Spettacolo dedicato a Terzani: al Flaiano "Un altro giro di giostra"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3436

PESCARA. Anteprima nazionale all'Auditorium Flaiano il 29 e 30 novembre dello spettacolo dedicato a Tiziano Terzani. Francesco Di Sario, sceneggiatore per passione ha scritto la riduzione teatrale della sua ultima opera "Un ultimo giro di giostra".

E' sicuramente l'esempio di un giornalismo serio e indipendente, i suoi lavori rappresentano una testimonianza straordinaria per gli storici di questo e del prossimo secolo. Tiziano Terzani, scrittore, giornalista, viaggiatore, non smette di incuriosire e affascinare chi si imbatte nei suoi scritti. Come è successo a Una sceneggiatura che «coglie l'intima essenza del pensiero di Tiziano» ha detto la moglie di Terzani Angela Staude dopo aver letto e apprezzato il testo; si è rammaricata per non poter essere presente alla prima, ma proprio in quei giorni sarà all'estero per impegni che non ha potuto rinviare.
Non è esclusa però la sua presenza a Pescara, quando rientrerà in Italia.
E ad accogliere lo spettacolo per due serate, il 29 e 30 novembre, sarà il palcoscenico dell'Auditorium Flaiano.
Una anteprima nazionale che sta suscitando curiosità e interesse tanto che sono già numerosi gli incontri che Francesco Di Sario e Simone D'Alessandro, produttore esecutivo, hanno tenuto in alcune città abruzzesi (Pescara, Chieti, Teramo, Lanciano).
«Per la prima volta va in scena l'opera più emblematica e significativa di Terzani, nel testo ho affrontato solo uno dei molteplici aspetti trattati nel libro – spiega ancora una volta Francesco Di Sario – il conflitto interiore dell'autore che, ammalatosi di cancro, è combattuto tra la scelta di una terapia occidentale e la ricerca di una medicina alternativa; il percorso fisico si svolge parallelamente al viaggio interiore ed è proprio questo viaggio che affonda le radici nelle parti più vere e profonde, ma anche più oscure e inquietanti di ognuno di noi che diventa la vera terapia, quella che permetterà a Terzani di avvicinarsi alla fine con serenità e lucidità, perchè ha superato il problema della morte e del vivere ad ogni costo».
Allestire questo spettacolo non è stato semplice, si trattava e si tratta di un lavoro complesso, ma affascinante e ricco di emozioni.
Una scommessa, quasi una sfida per Francesco e per il gruppo di lavoro, affiatato e competente. Tutti hanno lavorato senza risparmiarsi, cercando di aver cura anche del più piccolo dettaglio; nulla è stato lasciato al caso o all'improvvisazione. E in effetti lo spettacolo può contare su un cast d'eccezione: la regia di Milo Vallone, supportata da quella video di Dino Vitullo, le musiche del Maestro Sergio Rendine, compositore di fama, il light design di Vittorio Pavesi, direttore della fotografia.
Ci sono poi due protagonisti di tutto rispetto: Angelo Petrone attore che ha recitato in parti importanti sia in teatro che in tv e Luca Lucani, più noto come doppiatore. E poi Lisa Leonardis, Piero Pantalone, Fabio Ventura, Andrea Di Bella e Valentino Tascione. Foto di scena e organizzazione Silvia Mazzotta. Tutti hanno cercato di dare il meglio con determinazione ed entusiasmo e con la consapevolezza che questo progetto teatrale va ben oltre una semplice rappresentazione.
«La cosa più difficile è stato individuare il registro interpretativo più consono – spiega Simone D'Alessandro – Non volevamo mettere in scena una tragedia e neanche una farsa. Non è stato semplice partorire un teatro di parola capace di essere evocativo e al tempo stesso ironico, senza cadere nel retorico o peggio nel goffo. In questo il lavoro del regista Milo Vallone è stato intenso e faticoso. Per il momento il nostro è un progetto pilota, qualora avessimo un buon riscontro, cosa che mi auguro, di critica e di pubblico, potremmo cominciare a ragionare sulle prossime date».
E Simone dedica questo spettacolo a suo padre che non c'è più per un cancro.
Il progetto è stato finanziato dall'associazione culturale "Paideia"
grazie all'interessamento della presidente Nicolina D'Ovidio. Il prezzo del biglietto è di 12 euro.

29/11/2007 9.13