Stagione di prosa: otto proposte tra testi classici e nuovi autori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2587

ROSETO. Saranno i titoli o gli attori di richiamo che sempre più spesso arrivano dalle ribalte televisive, fatto sta che la stagione teatrale di Roseto continua a registrare una crescita di consensi tanto che la sala del Cinema Odeon, con i suoi 300 posti a sedere non basta più.
E il pienone si aspetta anche per la nuova stagione, presentata ieri mattina in conferenza stampa dal Sindaco Franco Di Bonaventura e dall'Assessore alla Cultura Sabatino Di Girolamo, che con Enzo Gentile,Direttore dell' Atam, hanno sottolineato la lunga collaborazione tra il Comune di Roseto e l'Associazione teatrale che segna per questa stagione il 29° anno consecutivo di attività.
Il primo sipario si apre il 12 novembre con Lunga giornata verso la notte di Eugene O'Neill per la regia di Piero Maccarinelli. In scena Remo Girone e Annamaria Guarnirei. Il 26 novembre è la volta di La Commedia degli errori di William Shakespeare diretta e interpretata da Giuseppe Pambieri con Micol Pambieri e Nino Bignamini. Il 6 dicembre tocca a Lascio alle mie donne di Diego Fabbri, regia di Nanni Fabbri, con Lello Arena, Angiola Baggi e Sebastiano Tringali. Il 17 dicembre tocca a Prima Pagina di Ben Hecht e Mac Arthur per la regia di Francesco Tavassi in cui recitano Gian Marco Tognazzi e Bruno Armando. Dopo la pausa natalizia si torna a teatro il 18 gennaio 2008 con Casa di bambola – L'Altra Nora uno spettacolo di Leo Muscato tratto da Henrik Ibsen. Tra gli interpreti Lunella Savinio e Paolo Bessegato.
Il 31 gennaio va in scena Don Fausto di Antonio Petito per la regia di Arturo Cirillo, con Salvatore Caruso, Rosario Giglio e Sabrina Scuccimarra.
Il 6 febbraio si propone un salto nel teatro d'avanguardia con Non si paga! Non si paga scritto e diretto dal premio Nobel Dario Fo, con Marina Massironi e Antonio Catania.
Chiusura il 4 marzo con 39 scalini di John Buchan, diretto da Maria Aitken, con Franco Oppini, Ninì Salerno, Urbano Barberini e Barbara Terrinoni.

30/10/2007 9.05