Samuele Bersani concede il tris

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3221

TOCCO DA CASAURIA. Quasi a sorpresa, Samuele Bersani torna per la terza volta in Abruzzo nel giro di un mese, dopo gli applauditi concerti di Pescara e Antrosano.

TOCCO DA CASAURIA. Quasi a sorpresa, Samuele Bersani torna per la terza volta in Abruzzo nel giro di un mese, dopo gli applauditi concerti di Pescara e Antrosano.


Questa volta toccherà alla piazza principale di Tocco da Casauria: appuntamento il 21 settembre alle 21,30. L'ingresso è gratuito.
‘L'Aldiquà Tour' dell'artista romagnolo è ripartito a giugno, in versione estiva: dopo il successo di pubblico e critica del tour invernale, Bersani ha infatti deciso di portare in giro il suo spettacolo anche nel corso della stagione calda, e per farlo ha scelto le principali piazze ed arene italiane.
In due ore, Samuele conduce lo spettatore al centro della sua musica, offrendogli la propria visione della realtà, spesso alternativa e paradossale, che da sempre ne caratterizza l'ispirazione e il cui confine con il surrealismo si fa labile in più di un'occasione.
Oltre ad eseguire i suoi brani storici in chiave riarrangiata, da ‘Il mostro' a ‘Giudizi Universali', passando per ‘Chicco e Spillo', ‘Replay' (l'unica partecipazione di Bersani a Sanremo, nel 2000), ‘Le mie parole', ‘Che vita' e ‘Cattiva', l'artista proporrà al pubblico le tracce dell'ultimo cd ‘L'Aldiquà', da ‘Lo scrutatore non votante' a ‘Sicuro Precariato' passando per ‘Occhiali rotti', canzone dedicata ad Enzo Baldoni, il giornalista ucciso in Iraq, con cui ha vinto il Premio Amnesty Italia per il miglior brano sui diritti umani pubblicato nel 2006. “Fra 150 anni – ha dichiarato Samuele Bersani – mi piacerebbe essere ricordato per questo pezzo”.
Con la regia luci curata da Franco Caimi, Bersani sarà accompagnato sul palco da Tony Pujia alle chitarre, Davide Beatino al basso, Enzo Di Vita alla batteria e Giampiero Grani alle tastiere.
Ma c'è una novità importante inerente alla scaletta dello show: migliaia di e-mail giunte tramite il suo sito internet, infatti, hanno convinto Samuele ad inserire ‘Il destino di un vip' negli spettacoli estivi.
Nella canzone, pubblicata nel 2003, il cantautore parla della costruzione e del declino del tipico personaggio che affolla i tabloid e i contenitori tv e che d'estate «per fermarsi a riva con il panfilo affittato vende l'esclusiva ad un redattore capo che a luglio e agosto ogni settimana gli trova un posto».
Una satira che, ironia della sorte, si lega alle recenti cronache che hanno coinvolto molti vip e i paparazzi accusati di averli ricattati con foto ‘compromettenti'.
Musicalmente, l'ultimo esempio, in ordine di tempo, di canzone che torna improvvisamente ad essere attuale. Un altro bel colpo per un artista che, in questi anni, ha dimostrato di essere cresciuto, tramutandosi da idolo un po' bizzarro per ragazzine a cantautore serio ed impegnato.

Massimo Giuliano 20/09/2007 8.01