Michele di Toro trio da Lanciano verso la tournèe estiva

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1799

LANCIANO. Dal teatro Fenaroli alla sala Debussy passando per l’Umbria Jazz: parte da Lanciano e toccherà anche Parigi la tournée estiva del Michele Di Toro Trio, formato dal pianista di Sant’Eusanio, Yuri Goloubev al contrabbasso e Marco Zanoli alla batteria. «Il passo del gatto tour» prende il nome dal titolo dell'ultimo lavoro del gruppo, e toccherà varie città della Penisola, tra le quali spiccano appunto la data dell’Umbria jazz, e tra quelle internazionali il concerto alla sala Debussy a Parigi.
L'esibizione al Fenaroli, in programma sabato 2 giugno alle 21.30, sarà anche l'occasione per presentare alcuni inediti del ultimo lavoro di Michele Di Toro per piano solo e trio. Il pianista frentano vuole così sottolineare la vicinanza alle manifestazioni e agli eventi organizzativi nella sua regione, compresa chiaramente l'Estate musicale frentana, che ha individuato in Di Toro un ospite fisso dei concerti , tanto da promuoverne il tour estivo.
È questo il segno di un legame forte tra questa istituzione e uno dei pianisti italiani più importanti, che sta ottenendo numerosi consensi anche a livello internazionale. Tra l'altro è la prima volta che l'associazione Amici della musica patrocina, nell'ambito dell'Estate musicale, il tour di un artista locale.
Di Toro è senz'altro uno degli artisti frentani più in ascesa del momento. Autentico virtuoso della tastiera, ha raccolto intorno a sé due altri affermati e valenti musicisti. Yuri Goloubev, contrabbassista russo ha militato per oltre dieci anni come primo contrabbasso nella famosa Orchestra da camera dei solisti di Mosca. Da alcuni anni vive in Italia, e vanta numerosi lavori con musicisti internazionali di livello assoluto. Marco Zanoli è invece un batterista varesino, che ha al suo attivo molte collaborazioni con musicisti Italiani e francesi di spicco.
«Il passo del gatto» propone musica originale e numerosi standard internazionali riproposti in chiave molto contemporanea. Il risultato è una musica emozionante, trascinante, compatta e coinvolgente, che riesce ad avvicinare il mondo della tradizione jazzistica afroamericana con i nuovi linguaggi della musica colta europea. In occasione di questo concerto , oltre ai brani de «Il passo del gatto», vengono proposti in anteprima alcuni inediti dell'ultimo lavoro discografico Di Michele Di Toro, che uscirà per la fine del 2007.

01/06/2007 10.06