LE MURA

Beni Culturali: dal Cipe anche 30 mln per il centro storico de L'Aquila

Previsto restauro mura cittadine

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

70

Beni Culturali: dal Cipe anche 30 mln per il centro storico de L'Aquila

L’AQUILA. Trenta milioni di euro per L’Aquila sono inseriti nello stanziamento di 1 miliardo di euro deliberato dal Cipe, presentati questa mattina dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini.

«Completiamo i grandi progetti che aspettavano da anni nei cassetti: dagli Uffizi a Brera a Capodimonte, andiamo avanti su Pompei e sui siti archeologici, sui grandi cammini come quelli di San Francesco, l'Appia e la Francigena», ha commentato Franceschini, sottolineando «le riqualificazioni nelle periferie urbane a cominciare da Tor Sapienza a Roma e i grandi interventi su luoghi stupendi del paese come il porto vecchio di Trieste e la cittadella di Alessandria».

Si mira al «rilancio della competitivita' territoriale del Paese attraverso l'attivazione dei potenziali di attrattivita' turistica, l'integrazione tra turismo e cultura e il potenziamento dell'offerta turistico-culturale».

Specificamente il Piano prevede 30 milioni di euro per il centro storico dell'Aquila con il completamento del restauro delle mura cittadine, del Duomo e della chiesa si S. Maria a Paganica; 20 milioni per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli con opere strutturali per il miglioramento degli spazi espositivi e dell'accesso; 30 milioni per il Museo di Capodimonte con il restauro della cinta muraria, il nuovo allestimento delle sale e il miglioramento dei collegamenti con la citta'; 40 milioni per la Reggia di Caserta con il completamento delle opere di restauro del monumento e del parco; 20 milioni per il restauro e il riallestimento del Museo di Paestum e la ristrutturazione dell'ex stabilimento Cirio; 10 milioni per gli scavi di Ercolano per il restauro delle strutture e le superfici decorate della Casa dell'Atrio a Mosaico, dell'Apollo Citaredo, del Colonnato Tuscanico, del Graticcio, del Mobilio Carbonizzato, del Sacello di Legno e del Bicentenario; 40 milioni di euro per l'area archeologica di Pompei; 25 milioni per il completamento del Museo Nazionale dell'Ebraismo e della Shoah a Ferrara; 2 milioni per il cofinanziamento al restauro del portico del Santuario di San Luca a Bologna; 8 milioni per il restauro della basilica di Santa Maria dei Servi e del complesso monastico del Corpus Domini a Bologna.

Ancora, nella ripartizione delle risorse del Cipe sono contemplati 50 milioni per il restauro e la valorizzazione del Porto Vecchio di Trieste, destinato a divenire un grande attrattore culturale transfrontaliero; 40 milioni per la riconversione dell'ex complesso militare Cerimant a Tor Sapienza in centro culturale; 9 milioni per completare il restauro delle facciate e del giardino di Palazzo Barberini; 15 milioni per l'adeguamento strutturale e l'allestimento dell'ala Cosenza della Galleria Nazionale d'Arte Moderna; 70 milioni per restauro e valorizzazione dell'ex carcere borbonico di Santo Stefano; 6 milioni per restauro e riallestimento del Museo del Palazzo Reale di Genova; 40 milioni per il progetto Grande Brera con l'ampliamento della Pinacoteca e l'adeguamento della caserma Mascheroni Magenta e Caracciolo per i nuovi spazi dell'Accademia di Belle Arti; 12 milioni di euro per il restauro complessivo del Palazzo Ducale di Mantova; 25 milioni per il recupero e la valorizzazione della Cittadella di Alessandria; 15 milioni per il restauro delle Cavallerizze e dei Giardini Reali di Torino con il restauro dei bastioni cinquecenteschi e del verde e la realizzazione di nuovi percorsi; 5 milioni per il progetto di adeguamento funzionale della Cittadella della Cultura a Bari; 20 milioni per il recupero del patrimonio culturale delle isole Tremiti; 40 milioni per il completamento dei Nuovi Uffizi e la realizzazione del percorso che unisce il museo a Palazzo Vecchio tramite il Corridoio Vasariano; 60 milioni per il completamento del Nuovo Auditorium di Firenze; 5 milioni per l'ampliamento della Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia con l'esposizione delle collezioni dell'Ottocento e del Novecento nella Villa del Cardinale; 8 milioni per il restauro e l'adeguamento della nuova sede del Museo Orientale di Venezia; 25 milioni per il parco archeologico dei Campi Flegrei a Bacoli, Giugliano, Pozzuoli-Rione Terra; 15 milioni per il recupero e la valorizzazione a fini turistico-culturali del patrimonio edilizio dell'isola della Maddalena realizzato nell'ex Arsenale; 15 milioni per recupero e valorizzazione turistico-culturale del waterfront di Genova; 20 milioni per i cammini religiosi di San Francesco e Santa Scolastica con interventi strutturali e infrastrutturali nei tracciati dei percorsi francescani in Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria e Marche; 20 milioni per Appia Regina Viarum con valorizzazione dell'antico tracciato romano fino a Brindisi; 20 milioni per la via Francigena; 70 milioni per il Ducato Estense con il recupero dei beni culturali ecclesiastici e pubblici danneggiati dal sisma; 170 milioni per il completamento di rilevanti interventi di interesse nazionale del patrimonio culturale.