SANITA'

Abruzzo. Asl dell’Aquila: via con 57 assunzioni a tempo determinato

Così si evitano le chiusure dei reparti nel periodo estivo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3248

Abruzzo. Asl dell’Aquila: via con 57 assunzioni a tempo determinato



L’AQUILA. «La Asl di Avezzano-Sulmona-L’Aquila sta procedendo all’assunzione, a tempo determinato, di 40 operatori socio-sanitari  e di 17 infermieri, per consentire al personale in servizio di usufruire delle ferie estive ed evitare la chiusura e l’accorpamento di alcuni reparti».
A darne notizia è il responsabile Cisl dell’Aquila, Gianfranco Giorgi, che ha portato avanti la trattativa insieme a Antonio Ginnetti (Cgil sanità) e Pino De Angelis (Uil sanità).
«Come ogni anno», spiega Giorgi, «all’ospedale San Salvatore e negli altri presidi della provincia, a ridosso delle ferie estive, si è creato il problema della carenza di personale, che va ad aggravare una situazione già precaria. Per consentire a tutto il personale di comparto, infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici e amministrativi, di poter beneficiare di un breve periodo di riposo dal lavoro e per garantire la normale fruizione dei servizi, abbiamo concordato con il direttore della Asl, Giancarlo Silveri, l’assunzione per tre mesi, di 40 O.S.S., di 17 infermieri e alcuni tecnici e amministrativi, che stanno prendendo servizio in questi giorni. La Asl ha attinto, per tale procedura, alla graduatoria già esistente; gli infermieri verranno, invece, reclutati, vista l’urgenza, tramite agenzia interinale». Nel pacchetto figurano anche le 14 assunzioni a tempo indeterminato di altrettanti infermieri, tramite lo scorrimento della graduatoria in essere per la mobilità.
«Siamo riusciti, con un pressing sulla Asl, a tamponare l’emergenza estiva e ad evitare la chiusura di alcuni reparti ospedalieri e servizi della Asl», prosegue Giorgi, «ma ci aspettiamo che l’annunciata ridefinizione della pianta organica venga presentata al più presto onde evitare che si debba correre sempre ai ripari e dare stabilità e tranquillità sia al personale in servizio che agli utenti, con particolare riferimento all’assistenza diretta».