POLITICA E SPESE

Spoltore, Pdl chiede tagli a Di Lorito: «30 cellulari a spese dei contribuenti»

Febo: «diciamo no al rendiconto 2012

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2159

Spoltore, Pdl chiede tagli a Di Lorito: «30 cellulari a spese dei contribuenti»

La giunta Di Lorito






SPOLTORE. Martedì scorso il Consiglio comunale di Spoltore ha approvato il rendiconto relativo alla gestione dell’anno 2012 dei fondi pubblici dell’ente.

Il Pdl ha votato contro per esprimere, spiega la capogruppo Marina Febo, «un giudizio fortemente negativo sulla strategia messa in campo finora dalla giunta Di Lorito».
Il Popolo delle Libertà chiede di tagliare gli incarichi esterni e il numero di telefoni cellulari pagati dal Comune, sposare una diversa gestione dei rifiuti, diminuire il costo dell’apparato comunale, riqualificare professionalmente i dipendenti e utilizzare meglio i beni immobili dell'ente.
Ma il centrodestra protesta anche per le tasse troppo alte a carico dei cittadini e «la mortificazione di servizi importanti come quelli sociali». Il riferimento è all’aumento del costo della mensa scolastica ma anche allo «svilimento» del centro per anziani delocalizzato e relegato in un locale piccolo condiviso, peraltro, anche con altre attività e servizi importanti. Si punta l’indice anche contro l’annullamento del servizio estivo della colonia per bambini o del trasporto alle terme per gli anziani.
Al tempo stesso il Pdl ha individuato «ampi margini di manovra» per operare nella direzione della lotta agli sprechi: «gli aspetti che più ci hanno colpito», spiega Febo, «riguardano l’elevato costo delle consulenze esterne e delle spese legali per difendere il Comune in cause e processi, a cui non corrisponde finora alcuna indagine o iniziativa diretta, da parte dell’ente, a ottenere l'eventuale risarcimento di danni subiti per responsabilità di privati, responsabili interni e professionisti esterni incaricati in diverse questioni (errori progettuali scuola di S. Teresa, questione Arca, indennità degli ex amministratori ecc..).

Il bilancio mostra l’affidamento di tanti incarichi a professionisti privati per compiere studi, analisi o progetti, «molti dei quali inutili», insiste Febo. Il Pdl non condivide nemmeno la volontà politica di reclutare nuovi dipendenti per il futuro e sostiene che esista un problema di comunicazione interna tra uffici e tra questi e gli amministratori comunali.

CELLULARI A SPESE DEL COMUNE
Altro privilegio che il Popolo delle Libertà chiede di eliminare immediatamente è l’utilizzo dei telefoni cellulari a carico del Comune - eliminazione già proposta dal centrodestra in sede di approvazione del bilancio di previsione 2012 che la maggioranza ha bocciato.
Questo vantaggio è oggi riconosciuto a 30 persone tra dipendenti e amministratori. «Riteniamo che dovrebbe essere limitato alle massime cariche istituzionali e amministrative», spiega Febo, «e a qualche dipendente che deve assicurare la reperibilità in giorni festivi, come il personale della polizia municipale, o che deve recarsi all’esterno per esempio per compiere sopralluoghi».
Si chiede di abbattere anche il costo di gestione dei rifiuti che ha comportato una spesa, solo per il 2012, di circa 2 milioni di euro.

COMUNE SPOLTORE RENDICONTO 2012