DISORDINE SUL RIORDINO

Abruzzo, le Province tagliate perdono anche prefetto, questore e commissariati

Brucchi chiede audizione con capigruppo Camera e Senato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3762

Abruzzo, le Province tagliate perdono anche prefetto, questore e commissariati

L'Abruzzo a due province

ABRUZZO. Con i tagli alle Province cambia anche la presenza dello Stato sul territorio: saranno riviste prefetture, questure e commissariati.
Un progetto di riorganizzazione di questi organismi è stato presentato ieri dal ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri ai sindacati di polizia, vigili del fuoco e prefettizi. La bozza di regolamento messa a punto dagli uffici del Viminale contiene una decina di articoli. Se sarà mantenuto il taglio di 36 Province, nella metà di queste ci sarà un 'presidio di Governo' ed un 'Ufficio presidiario di pubblica sicurezza', con un prefetto ed un questore, ma con strutture più agili rispetto alle attuali prefetture e questure.
Nelle altre 18 Province tagliate niente prefetto e questore, probabilmente ci sarà un commissariato di pubblica sicurezza. Nelle città metropolitane ecco 'super-prefettura' - Ufficio territoriale del Governo: al prefetto possono essere delegate specifiche funzioni in materia di protezione civile, difesa civile e soccorso pubblico, immigrazione e asilo, enti locali. Il cosiddetto 'presidio di Governo, cui e' preposto un prefetto e l"Ufficio presidiario di pubblica sicurezzà, retto da un dirigente superiore ella polizia di Stato, verranno mantenuti - prevede la bozza di regolamento - nelle città con alti tassi di delitti, rischi ambientali e situazioni di disagio economico e sociale. Il provvedimento proposto dal ministro è stato accolto in maniera critica dai sindacati. Per Siulp, Sap, Ugl Polizia e Consap, «mentre sale inesorabile la tensione sociale e il rischio di scontri di piazza, il ministero dell'Interno e il Dipartimento della P.S. non trovano nulla di meglio per rispondere alla maggiore richiesta di sicurezza che proporre un regolamento il quale, in contrasto con quanto stabilito dalla stessa norma di riorganizzazione delle province e per la riduzione dei costi burocratici, determina la chiusura di circa 40 questure e altrettanti Comandi provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili del fuoco senza alcuna garanzia per il personale impiegato in quegli uffici. Un vero e proprio colpo d'ascia - aggiungono - alle già scarse risorse che sono a loro disposizione per combattere la mafia, il terrorismo e l'illegalità».
Il segretario del Silp-Cgil, Claudio Giardullo, ha chiesto che «le risorse (mezzi e uomini) non vengano toccate dalla riorganizzazione, ma non ci sono state date garanzie. Occorre poi - ha aggiunto - rispettare il modello della sicurezza pubblica in Italia previsto dalla legge 121: dove c'é un prefetto ci deve essere anche un questore»..

BRUCCHI CHIEDE INCONTRO AI CAPIGRUPPO DI CAMERA E SENATO
Intanto prosegue l’attività del sindaco di Teramo Maurizio Brucchi tesa a scongiurare l’ipotesi della soppressione della Provincia, così come stabilito dal Governo con il Decreto-Legge del 5 novembre scorso.
Ieri il primo cittadino ha indirizzato ai capogruppo di Camera e Senato una lettera contenente una richiesta dell’incontro; la lettera è firmata da Brucchi e dai sindaci di Asti, Crotone, Mantova e Prato
«Non siamo contrari alla revisione della spesa», dicono gli amministratori locali, «ma esprimiamo con vigore il disaccordo su un provvedimento che mortifica i territori e non dà alcuna prospettiva».