SANITA'

Ospedale Pescara, «Nel reparto Medicina poco personale e sovraffollamento di pazienti»

Pettinari (M5S)«manca totalmente un’organizzazione razionale»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

258

Ospedale Pescara, «il reparto di Medicina Est sovraffollato: 13 pazienti nei corridoi»

 

 

 

PESCARA. «Non c’è un primario e si lavora con 6 unità infermieristiche in meno rispetto a quelle previste dalla normativa».

 

Il reparto di Medicina dell’ospedale di Pescara torna a far parlare di sé. Ed i numeri, paragonati ad altre divisioni, fanno davvero paura. Infatti, la carenza di personale e il sovraffollamento dei pazienti possono rendere la degenza ospedaliera nel reparto insopportabile, nonostante lo sforzo che il personale medico ed infermieristico deve sopperire ogni giorno.  

 A rendere noto questo stato di cose è il consigliere regionale, vice presidente della commissione sanità Domenico Pettinari che spiega «La mancanza del Primario viene colmata da un capo dipartimento ma che può essere presente solo alcuni giorni a settimana, e che comunque non può sopperire alle funzioni del Primario. Così uno dei reparti più affollati dell’ospedale deve andare avanti senza una reale programmazione e senza coordinamento. Il Personale medico, inoltre, è ridotto a 7 unità e quello infermieristico ad 11. Numeri che sono ben inferiori a quelli previsti nel piano aziendale, dove sono previsti ben 17 infermieri.  Come se non bastasse, il reparto dovrebbe ospitare  34 posti letto ma non ci sono mai meno di  45 pazienti e si sono toccate punte anche  di  50 /52 pazienti ricoverati».

«Secondo organizzazione» continua Pettinari «questi pazienti in surplus vanno dislocati in altri reparti. Così da costringere il, già carente, personale medico a dover girare per i piani e le corsie di tutto il nosocomio facendo perdere tempo e sicuramente rendendo gli interventi meno repentini. Questi numeri fanno ancora più paura se paragonati a quelli di altri reparti, come per esempio quello di Pneumatologia, dove abbiamo una stima di 8 pazienti per reparto con ben 5 medici di corsia e 11 infermieri più 2 con contratto part time. Questa disorganizzazione nella divisone del personale interferisce in maniera sostanziale con l’erogazione del servizio che non è in grado di mantenere gli standard di efficienza previsti, nonostante gli sforzi immani del poco personale presente. Chiediamo pertanto che si dotino i reparti delle risorse necessarie a garantire la giusta assistenza. Quindi raddoppiare il numero dei medici, prevedere almeno 17 infermieri come previsti dal piano e i relativi Operatori Socio Sanitari».

La Asl di Pescara, attraverso il suo manager Armando Mancini, smentisce ogni disservizio e carenza organica anche infermieristica.