SANITA'

Emodinamica Vasto, raccolte 15mila firme: «noi ignorati»  

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

221

Emodinamica Vasto, raccolte 15mila firme: «noi ignorati»  

 

VASTO. «Ci saremmo aspettati un dialogo, un confronto con il Presidente della Regione e l'assessore alla sanità, dopo aver raccolto oltre 15.000 firme, per l'istituzione del servizio di emodinamica presso l'ospedale di Vasto, invece non è stato così».

 

Il comitato che in pochi giorni ha raccolto le firme per sensibilizzare la Regione a mantenere fede alle promesse si lamenta della assenza di confronto con i vertici regionali «Ignorati come se nulla fosse accaduto,  un atteggiamento alquanto strano per chi rappresenta le istituzioni, quindi tutti i cittadini».

Nel frattempo l'assessore Paolucci ha scelto un'altra strada: «prima rassicurando i cittadini del vastese dicendo che il servizio sarà istituito; poi, nei fatti, smentendo se stesso attraverso la corrispondenza con il Ministero della salute, da cui si evince che, a Vasto, non è prevista l'emodinamica».

 

Secondo il comitato «Paolucci, intraprendendo un percorso molto accidentato, ha  cercato di dividere il comitato che ha raccolto le firme con iniziative che servono solo a disorientare l'opinione pubblica dal vero problema: l'istituzione del servizio emodinaca H24 presso l'ospedale di Vasto. Ora, anzichè assumere impegni precisi attraverso atti concreti, delibere, impegni finanziari, ecc., apprendiamo che è stato annunciato la costituzione di un tavolo di lavoro. Per fare cosa? Ricordiamo all'assessore che per l'istituzione del servizio emodinamica, tutte le scelte sono in capo al suo assessorato e al direttore generale della ASL».

Molta insoddisfazione arriva proprio da una parte del Pd che a Vasto ha un seguito nutrito e da mesi la frattura interna si acuisce sempre più e tra i temi al centro delle frizioni c’è proprio la sanità.

«Noi non ci fermeremo», dicono dal comitato, «e di certo non ci fermeranno le manovre che cercano di dividerci, andremo avanti fino al raggiungimento del nostro obiettivo, forti di oltre 15.000 cittadini che ci hanno sostenuto e dei Consigli Comunali dei paesi del territorio del Vastese, che hanno votato, all'unanimità, un ordine del giorno per affermare il nostro diritto alla salute».