SANITA'

Ospedale Popoli, rischio declassamento della struttura

Sospiri (Forza Italia) presenta interrogazione a D'Alfonso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

864

L'ospedale di Popoli

L'ospedale di Popoli





POPOLI. "Appalti a rilento, finanziamenti slittati al 2017 e ritardi ingiustificati: credo sia giunto il momento che il Governatore D’Alfonso faccia chiarezza definitiva sul futuro dell’Ospedale civile di Popoli ‘Santissima Trinità’, dove, dopo la voluta chiusura del punto nascita, tutto lascia ipotizzare un ulteriore declassamento della struttura".
A chiederlo è il capogruppo di Forza Italia, alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri illustrando l’interrogazione presentata questa mattina su sollecitazione del consigliere provinciale e comunale Mario Lattanzio.
Il primo obiettivo è quello di far luce sul Piano degli investimenti 2015-2017 – ha specificato Sospiri -: il primo dicembre 2014 la Asl di Pescara ha approvato la delibera numero 1357, ovvero il Piano Triennale, elencando le opere edili e strutturali relative al Presidio di Popoli, ossia la realizzazione, per una spesa di 700mila euro prevista nel bilancio regionale 2015, di un locale per l’installazione di una Risonanza magnetica già acquistata nell’ottobre 2012, e la realizzazione del reparto Gravi Cerebropatie Acquisite, per una spesa complessiva di 930mila euro, di cui 500mila euro iscritti nel bilancio 2015 e 430mila nel bilancio 2016.
Il 30 dicembre 2014, sempre con delibera numero 1459 del Direttore generale della Asl D’Amario, è stato approvato il progetto esecutivo e avviata la gara per la realizzazione delle opere inerenti l’installazione della Risonanza magnetica, mentre, addirittura, è già stata aggiudicata la gara per la realizzazione del reparto per le Cerebropatie. Il 20 giugno scorso, però, è arrivato lo stop alle due procedure, ossia il direttore D’Amario ha ricalibrato il piano degli investimenti facendo slittare al 2016 le opere per la Risonanza magnetica, con una gara già in corso, e al 2017, ossia fra due anni, quelle per il reparto per le cerebropatie, con una gara già aggiudicata.
"Un provvedimento", spiega Sospiri, "che ha fatto scattare un campanello d’allarme e sul quale ora vogliamo sentire direttamente la voce dei vertici della Regione Abruzzo, consapevoli e responsabili, evidentemente, di tali decisioni. E attraverso l’interrogazione presentata, ho chiesto al presidente D’Alfonso e all’assessore alla sanità Paolucci di conoscere quali siano state le motivazioni che hanno determinato il differimento dei finanziamenti, ovvero degli interventi già previsti sull’ospedale di Popoli, che soffre dei gravi ritardi nell’attuazione di investimenti approvati da anni e la cui fonte di finanziamento risulta essere nelle disponibilità della Asl, trattandosi di utili derivanti dall’esercizio 2013".

"Peraltro – hanno aggiunto il capogruppo Sospiri e il consigliere provinciale e comunale Mario Lattanzio – tali notizie sono trapelate dopo pochi giorni dallo scontro che, dopo la chiusura dell’ambulatorio oncologico, si è consumato tra il sindaco Galli, giustamente schierato in difesa dell’ospedale, e l’onorevole Castricone che ha attaccato e biasimato il sindaco, anziché fare fronte comune in difesa dell’ospedale. Peraltro i due procedimenti congelati si aggiungono ai ritardi inerenti il potenziamento della riabilitazione, partito nel 2011, e che avrebbe dovuto essere la salvezza del nosocomio popolese. Purtroppo il timore è che tali slittamenti siano propedeutici all’applicazione del Decreto Lorenzin, che fissa i parametri di densità anagrafica, ossia almeno 200mila abitanti, per mantenere in vita gli ospedali. Se quel decreto, che comunque dev’essere portato in Consiglio regionale, dovesse essere applicato, in Abruzzo resteranno solo 2 ospedali e Popoli, dove c’è il personale, ci sono delle professionalità, in un Abruzzo ormai fuori dal Commissariamento, chiuderà. Ovviamente Forza Italia è pronta alle barricate: non ci siamo ancora arresi sui Punti nascita, e daremo battaglia anche contro la chiusura del ‘Santissima Trinità’, sostenendo il sindaco Galli, che oggi è isolato dal Pd dopo lo scontro con l’onorevole Castricone il quale, da uomo della maggioranza, a Roma ha sicuramente approvato quello stesso Decreto Lorenzin contro il suo territorio".

IL PD: «COLPA DI CHIODI»

Il Pd di Popoli ricorda «con la giunta Chiodi sono stati chiusi i reparti di Ginecologia, Ostetricia, Pediatria e Cardiologia trasformati in semplici ambulatori. Vorremmo inoltre ricordare che l'acquisto della risonanza magnetica nucleare, è stato deliberato dalla giunta regionale di centrosinistra con D.G.R. 287 del 07.04.2008 ma nei cinque anni successivi di giunta Chiodi ci sembra che la stessa non sia stata mai installata all’interno del nosocomio popolese».

«Come mai il consigliere Lattanzio non ha mai preso una posizione nei cinque anni di governo regionale di centro destra quando  abbiamo perso ben quattro reparti?», dice Il Pd, «vorremmo in ultimo ricordare che se ad oggi il reparto di Chirurgia continua ad essere unità complessa e se sono state sventate ulteriori perdite che l’atto Aziendale a firma del governo regionale di centro destra aveva riservato per il nostro ospedale, lo si deve al lavoro fatto e dalla caparbietà del Sindaco Galli e dall’Onorevole Castricone unitamente all’amministrazione comunale e al PD» .

CASTRICONE (PD):«LORO AZIONI DISASTROSE»

«Le loro azioni sono state disastrose per l'ospedale di Popoli e se oggi, per riprendere fiato, vogliono ficcarsi in una polemica che non c'è, si sbagliano di grosso», ha detto il parlamentare Pd, Antonio Castricone,«Innanzitutto perché l'ambulatorio di oncologia, come tutti sanno, è rimasto aperto, e perché, sempre per rimanere ai fatti, solo nell'ultimo anno di governo a guida centrosinistra si sono sbloccate le procedure per il reparto cerebropatie e per la RMN così come per l'acquisto della nuova Tac. La frustrazione non autorizza a dire cose assurde che sconfinano nel ridicolo se dette proprio da loro. Mai si è visto da parte di queste persone un impegno che andasse oltre le semplici parole e la propaganda. Chiacchiere tante, fatti zero».