SALUTE

Salute, banca degli occhi de L’Aquila premiata per l’eccellenza

Sono 7 in totale le équipe mediche che hanno ricevuto riconoscimento

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1685

Salute, banca degli occhi de L’Aquila premiata per l’eccellenza

Germano Genitti




PESCARA. C’è anche la Banca degli Occhi dell’Aquila tra le strutture sanitarie abruzzesi d’eccellenza che hanno ricevuto il premio “Medicina Abruzzo” nella sesta edizione dell’evento, che si è svolta nella sala “Tinozzi” della Provincia di Pescara.
Quella diretta da Germano Genitti è stata la sola unità della Asl numero 1 Avezzano Sulmona L’Aquila a ricevere il riconoscimento nella manifestazione presentata dal giornalista Paolo Castignani coadiuvato da Shasa Cappellari.
Dal 2002 Genitti è dirigente medico presso l’unità operativa di Oculistica aquilana e responsabile della Banca degli Occhi, centro di riferimento regionale per le donazioni e i trapianti di cornea e per le membrane amniotiche.
Il nuovo Atto aziendale ha ampliato le funzioni della Banca anche alle attività cliniche e chirurgiche in oftalmologia, con l’intento di riportare ai massimi livelli e in tutti i campi l’oftalmologia aquilana.
«Sono molto soddisfatto perché unico medico premiato della Asl numero 1, è stato dato molto risalto all’attività della Banca degli Occhi, una delle poche esistenti a livello nazionale», commenta Genitti.
«Siamo ripartiti dopo il terremoto del 6 aprile 2009 - aggiunge - riportando i nostri numeri al pre-sisma e introducendo nuovi servizi in collaborazione con i reparti di Ortopedia e Neurochirurgia dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila».
Sono 7 in totale le équipe mediche delle 4 province della regione che hanno ricevuto il premio “Medicina Abruzzo”.
I riconoscimenti sono stati ricevuti anche dalla Gastroenterologia ed endoscopia digestiva di Antonio Astolfi e dalla Chirurgia oncologica di Berardo De Barardis per quanto riguarda l’ospedale di Teramo, dalla Urologia di Luigi Schips dell’ospedale di Vasto, dalla Neurotraumatologia di Vincenzo Magliani dell’ospedale di Lanciano, dalla Radiologia interventistica e stroke unit di Vincenzo D’Egidio e Armando Mancini e dall’Otorinolaringoiatria di Claudio Caporale dell’ospedale Civile di Pescara.