TERAMO

Asl Teramo acquista sistema di controllo temperatura. Il sangue più al sicuro

«La prima azienda ospedaliera ad averlo in Abruzzo»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2086

Asl Teramo acquista sistema di controllo temperatura. Il sangue più al sicuro
TERAMO. Un sistema di monitoraggio centralizzato per il controllo delle temperature dei frigoriferi, congelatori e frigo emoteche, in ospedale.

E’ la tecnologia acquistata dalla Asl di Teramo per l’ospedale G. Mazzini. Ad annunciarlo il Direttore generale Asl Giustino Varrassi.
Si tratta di un sistema all’avanguardia che consente la certezza della corretta conservazione del sangue e dei suoi derivati mantenendo inalterati i composti ematici.
Anche se si tratta di un investimento forte sotto il profilo economico (il quantum non viene specificato), ha fatto sapere Varrassi, «è una necessità sentita da tempo anche alla luce dell’attività del servizio di Cardiochirurgia dell’ospedale che proprio in questi giorni è stato indicato come uno dei migliori nel panorama sanitario nazionale».
Senza considerare la mole di apparecchiature (frigoriferi, congelatori e frigoemoteche) che fanno capo al S.I.M.T. (Servizio di Immunologia e Medicina Trasfusionale) della ASL di Teramo ed ospitate sia all’interno del servizio che nelle unità operative complesse chirurgiche.
L’occhio vigile di operatori trasfusionali che organizzeranno turni di guardia di 24 ore garantendo una presenza continuativa all’interno del S.I.M.T. dell’ospedale di Teramo permetterà di effettuare un controllo centralizzato dello stato di tutte le tecnologie del nuovo sistema.
«Non va inoltre dimenticato», ha precisato Varrassi, «che l’attività dell’Unità Operativa Complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale e quella delle associazioni di donatori di sangue è talmente efficiente da creare un movimento importante e impegnativo di donatori di sangue e da rendere quindi ancora più importante questa scelta».
Il direttore ha poi ringraziato il direttore del S.I.M.T., Gabriella Lucidi Pressanti ed il fisico sanitario Giovanni Orlandi per l’impegno profuso.