In 19 farmacie dell’Abruzzo test gratuiti sulla qualità del sonno

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2774

ABRUZZO. Sono 12 milioni gli italiani che soffrono di insonnia o di disturbi correlati.

Non si tratta di un problema passeggero ma di un fenomeno con caratteristiche di cronicità: il 67% degli insonni ne soffre da più di un anno e l’80% ne avverte le ripercussioni durante il giorno con varie manifestazioni: tensione nervosa, irritabilità, segni di depressione, fino a difficoltà di concentrazione o di memoria. Le conseguenze possono riflettersi anche sullo stato di salute.

Ad essere colpite maggiormente da questi disturbi sono le donne. Oltre il 25% dichiara infatti di avere difficoltà a dormire (Ricerca ad hoc Interactive 2010).

 Per sensibilizzare le donne su questo problema le farmacie della rete Apoteca Natura effettueranno insieme a S.I.M.G. (Società Italiana Medicina Generale) e O.N.Da (Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna) la campagna “Facciamo luce sul sonno delle donne”. In 19 farmacie dell’Abruzzo test gratuiti sulla qualità del sonno. Hanno aderito 7 farmacie in provincia di Chieti e Pescara, 4 nella provincia di Teramo e 1 a L’Aquila.

L’iniziativa prevede attività di comunicazione e consiglio e test sulla qualità del sonno. Ogni martedì del mese (3–10–17–24–31 di Maggio 2011) sarà possibile effettuare nelle farmacie del network, previa prenotazione, un test gratuito sulla qualità del sonno  sviluppato in collaborazione con S.I.M.G e O.N.Da.

Scopo del test è valutare la qualità del sonno delle donne, evidenziando eventuali fattori di rischio (cosiddetti red flag) che permetteranno al farmacista di indirizzare prontamente e in via preventiva la persona dal medico. In tutti gli altri casi, il test servirà a evidenziare i principali parametri della qualità del sonno la cui alterazione, pur non sconfinando in una vera e propria patologia, può costituire comunque un disturbo rilevante per la persona. In questo ambito il ruolo del farmacista sarà di guidare la persona ad una automedicazione consapevole,  consigliando l’osservazione di semplici ma fondamentali regole di igiene del sonno e ricorrendo ove necessario e appropriato anche all’aiuto delle piante medicinali. 
I dati raccolti attraverso i test, rigorosamente in forma anonima, saranno utilizzati a scopo di ricerca e pubblicazione.

Questo approccio integrato Medico/Farmacia risulta come una prima applicazione pratica degli scopi che si prefigge la nuova legge sui servizi in Farmacia (legge 18 Giugno 2009) che all’art. 5 richiama la necessità di una stretta collaborazione professionale tra medici di medicina generale e pediatri con le Farmacie, sottolineando all’art. 11 come la prevenzione sia un punto chiave all’interno della filiera sanitaria del futuro.

 10/05/2011 10.17