CORSA AL VACCINO

Asl prese d’assalto per i vaccini contro la Meningite: file e ancora caos prenotazioni

Anche a Chieti molta gente e 500 vaccinazioni in due giorni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

292

Asl prese d’assalto per i vaccini contro la Meningite: file e ancora caos prenotazioni


ABRUZZO. Psicosi o no, la gente si è rivolta in massa alle Asl per richiedere vaccini e mettersi al riparo, come tra le altre cose invitano a fare governo e Istituto superiore della Sanità.

Senza allarme -e possibilmente senza caos- cosa che però non sembra accadere in Abruzzo dove anche prenotare diventa una gimcana fastidiosa.

Alla Asl di Pescara qualche problema di comunicazione non ha facilitato e reso agibile il servizio suppletivo di sedute predisposte per le vaccinazioni.

Le note ufficiali pubblicate sul sito istituzionale e sulla pagina ufficiale di Facebook non sono sempre univoche.


Ieri 3 gennaio alle 11 una nota recitava:

La ASL di Pescara ha previsto ulteriori sedute straordinarie di vaccinazione previste nei giorni:

mercoledì 11 gennaio 2017 dalle ore 14.30 alle ore 17.30
mercoledì 18 gennaio 2017 dalle ore 14.30 alle ore 17.30

I vaccini saranno somministrati presso la sede del Servizio Vaccinazioni sita in Via Renato Paolini n. 47 a Pescara - Palazzina G - e si potrà prenotarli, a partire dal 3 Gennaio 2017 nei giorni di martedi e giovedi dalle ore 14.30 alle ore 16.30 contattando il numero telefonico 085 425 3969.


L’indicazione per la prenotazione è chiara «a partire dal 3 gennaio nei giorni di martedì e giovedì si prenota dalle 14.30 alle 16.30». Solo in quei giorni e solo di pomeriggio. Chi ha provato tuttavia non è riuscito a parlare con gli addetti risultando molto difficile prendere la linea.

Una nota diramata alle 14 di oggi invece dice:

ASL Pescara: ulteriori sedute straordinarie di vaccinazione

Le prenotazioni, necessarie per eseguire la vaccinazione, dovranno essere effettuare contattando il numero telefonico
085 425 3969
- Giovedì 5 Gennaio 2017, dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.30 alle ore 16.30
- da Lunedì 9 a Venerdì 13 Gennaio 2017, dalle ore 9.00 alle ore 12.00


Per giovedì 5, dunque, le prenotazioni si effettuano di pomeriggio come indicato in precedenza ed in aggiunta anche di mattina.

Le cose cambiano da lunedì 9 quando per l’intera settimana le persone dovranno essere abbastanza fortunate a chiamare di mattina per prenotare.

Non si capisce se comunque nei giorni di martedì e giovedì saranno validi comunque gli orari pomeridiani come comunicato in precedenza (ma potrebbe darsi di no... secondo una certa interpretazione).


Il risultato è il caos con persone che telefonano continuamente senza avere risposta (magari anche negli orari sbagliati visto il dribbling) e recandosi di persona in via Paolini dovendosene poi ritornare a casa con le pive nel sacco perché le prenotazinoi «si effettuano solo al telefono».

Il punto rimangono le file e le difficoltà nell’erogare un servizio molto richiesto.



ASL DI CHIETI


Alla Asl di Chieti si è giunti a 500 persone vaccinate contro la meningite da meningococco nelle sole giornate di lunedì 2 e martedì 3 gennaio scorsi.

Anche in questo caso un notevole afflusso di cittadini si è recata alla Asl sensibilizzati in seguito agli ultimi casi di meningite registrati in Italia.

«Ciò non toglie - spiega la responsabile del Servizio igiene epidemiologia e sanità pubblica (Siesp) della Asl, Ada Mammarella - che abbiamo sempre promosso e offerto le vaccinazioni, ed è dunque corretta la volontà delle persone di fare prevenzione. Certo, in questi giorni prevale la paura, che non si può fermare, ma con pazienza e professionalità i nostri operatori stanno accogliendo gli utenti, consegnano materiale informativo e vaccinano dopo avere spiegato loro le caratteristiche della patologia e i vaccini offerti».


Il consiglio anche qui è di prenotare telefonicamente ai numeri indicati sul sito qui o, ancora meglio, recandosi di persona nelle nostre sedi.


I tempi per le vaccinazioni non sono immediati, dato che il Siesp gestisce tutta la profilassi primaria a favore della popolazione.


La corsa ai vaccini fa registrare situazioni di affollamento analogo in quasi tutti i 12 centri vaccinali della provincia di Chieti che, nonostante la disponibilità degli operatori e la capacità di fare fronte all’ondata eccezionale di richieste, in alcuni casi può determinare anche situazioni di ressa, com’è accaduto in mattinata a Lanciano, dove la corsa al vaccino contro la meningite ha finito col rallentare e intralciare lo svolgimento della regolare e programmata attività legata al calendario vaccinale dei più piccoli.


Per quanto attiene, infine, alla compartecipazione alla spesa da parte degli utenti, esiste una tariffazione differente in base ai ceppi da coprire, che viene comunicata al momento della somministrazione o della prenotazione (spesa media circa 20 euro).

In ogni caso il panico non è giustificabile.



Intanto migliorano le condizioni dell’unico paziente segnalato colpito da meningite e ricoverato a Sulmona.


L’anziano di 84 anni, ricoverato in ospedale dal 28 dicembre scorso, registra un ulteriore, lieve miglioramento sul piano neurologico ma i medici confermano la prognosi riservata.

Lo comunica la Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila sottolineando che «sono sempre gravi le condizioni del paziente relative all'infezione, anche se c'è un lieve progresso sul piano della respirazione. Il team del reparto di anestesia e rianimazione, diretto da Vincenzo Pace, in cui è ricoverato il paziente - conclude la Asl - è impegnato con tutte le professionalità e i mezzi disponibili ad assicurare la terapia farmacologica e le procedure da protocollo».