SALUTE

La carne fa male? Ecco i prodotti anti cancro

Lista "imperfetta" spesa,vademecum di sopravvivenza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

796

La carne fa male? Ecco i prodotti anti cancro

ROMA. La buccia della mela è piena di diserbanti e fitofarmaci, il pesce non lo compro perché contiene il mercurio, l'acqua non la bevo perché è all'arsenico. La carne, neanche pronuncio il nome. Non mi resta che il digiuno?: «Per carità il digiuno fa male ed nocivo alla salute», risponde Pietro Migliaccio, presidente della Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione (S.I.S.A.) che in maniera ironica risponde alle provocazioni sull'allarme carni ma in generale fa chiarezza su come alimentarsi in futuro senza avere grandi ansie: «é vero tutti gli alimenti per un motivo o per un altro sono velenosi al nostro organismo, ma è bene sottolineare che l'aspettativa di vita degli ultimi anni si è notevolmente allungata, quindi io mi domando, ma non è che tutto questo veleno sotto sotto poi fa bene alla nostro corpo?»

Lasciando l'ironia da parte, il messaggio trasmesso da Migliaccio ma in generale un po' da tutti gli esperti in campo di alimentazione è unanime: se si rispettano i suggerimenti della Dieta Mediterranea e quindi si varia l'introduzione di alimenti, non si incorre in grandi problemi di salute perché è quella più completa e varia. «Talmente varia che io non mangio quasi più insaccati perché non trovano posto all'interno della mia dieta giornaliera», commenta Migliaccio, che poi stila una lista ipotetica di cibi "velenosi" da poter comprare al supermercato senza avere paura di rischiare di ammalarsi: «Si inizia dal banco frigo, comprando del latte scremato, i vegani invece possono prendere il té, queste bevande saranno accompagnate al mattino da una fettina di pane con miele o marmellata o senza nulla (nel caso di vegani). Ricordiamo che il pane è un vecchio alimento, così come lo è la pasta fatta solo di acqua e farina e devono essere mangiati perché sono carboidrati e sono fondamentali per il nostro cervello che per restare attivo ha bisogno di zuccheri».

La lista poi si allunga con l'acquisto di frutta, «da poter mangiare privandole della buccia cosi da prendere solo il buono e non ingerire diserbanti», poi le verdure che «se mangiate crude vanno pulite a fondo, e infine la carne, 'bianca, gialla blu', basta che non venga mangiata più di due volte alle settimana e questo principio vale per tutti gli alimenti: per stare bene e sani - prosegue Migliaccio - non bisogna abusare di nessun alimento in particolare neanche degli insetti che presto arriveranno nei nostri piatti ma che ancora non sappiamo che "veleno benefico" possano contenere».

Restano quindi valide le raccomandazioni fatte proprie dalle Agenzie sanitarie internazionali e dall'OMS: contro le malattie croniche non trasmissibili, tumori compresi, il consumo quotidiano di cereali (pasta, riso o pane) preferibilmente integrali, frutta ed ortaggi (almeno 5 porzioni al giorno), legumi accompagnati alternativamente, per condire di olio extravergine di oliva, aromi e spezie utili a ridurre il consumo di sale.