SALUTE

Melanoma, diffusione raddoppiata in 30 anni, sole principale rischio

Ecco le 10 regole d’oro. Parte la campagna nazionale “Il Sole per amico”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1996

Melanoma, diffusione raddoppiata in 30 anni, sole principale rischio


ROMA. Un'incidenza più che raddoppiata negli ultimi 30 anni, oltre 100.000 persone in Italia colpite e 10.000 nuovi casi ogni anno. E' il melanoma, "tumore della pelle subdolo e aggressivo".
L'età media dei pazienti è di soli 50 anni e il 20% dei casi viene riscontrato in soggetti tra 15 e 39 anni. Alto, purtroppo, il tasso di mortalità (20% dei casi) perché spesso viene diagnosticato in fase avanzata o metastatica.
Per accendere i riflettori sul rischio di questa forma di cancro e sull'importanza di una corretta esposizione al sole, parte oggi la campagna nazionale "Il Sole per amico", promossa dall'Intergruppo Melanoma Italiano, con il patrocinio del Ministero della Salute e dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica. Nata sulle indicazioni del Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018, che raccomanda campagne di comunicazione per informare i giovani sui danni prodotti dall'eccessiva esposizione solare e artificiale, la campagna si articola in due fasi ed elenca 10 'regole d'orò:
«È importante esporsi gradualmente al sole - spiega Ignazio Stanganelli, Responsabile del Centro clinico-sperimentale di Oncologia dermatologica dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori - cominciando con 45-50 minuti il primo giorno e aumentando, via via, il tempi fino ad ottenere in 15-20 giorni un'abbronzatura uniforme e duratura».
 Tra i suggerimenti anche quello di ridurre l'esposizione tra le 11.00 e le 15.00 e utilizzare indumenti, un cappellino e proteggersi con creme: «I bambini - spiega Stanganelli - devono essere assolutamente protetti dalle scottature e va evitata l'esposizione diretta dei neonati fino a 1 anno».
 Sostenitrice della campagna di prevenzione anche il ministro della salute Beatrice Lorenzin che spiega: «Sono fermamente convinta che il melanoma sia una tipologia di tumore che può essere contrastata attraverso un'efficace azione di prevenzione - afferma il Ministro - per questa ragione diventa ancora più importante, grazie ad iniziative come quella avviata da Imi, innalzare il livello di attenzione della popolazione, diffondendo nell'ambito della stessa la cultura della prevenzione e, soprattutto, informando il maggior numero di persone possibile sull'importanza degli screening diagnostici al fine di limitare l'insorgenza dei tumori e di combattere gli effetti potenzialmente devastanti».
 La campagna prevede attività d'informazione e in autunno poi anche nelle scuole elementari.

10 REGOLE D’ORO
 Evitare le esposizioni eccessive al sole e le conseguenti scottature soprattutto "se hai un fototipo 1 o 2".
E' il consiglio principale delle dieci cose da sapere prima di esporsi al sole, suggerite dai medici in occasione della campagna di prevenzione del melanoma "Il sole per amico" per proteggere la nostra pelle dai danni che potrebbero fare i raggi solari se presi male.
Ecco di seguito il decalogo completo:
1) Evitare le esposizioni eccessive al sole e le conseguenti scottature soprattutto "se hai un fototipo 1 o 2".
 2) Esponiti gradualmente per consentire alla tua pelle di sviluppare la naturale abbronzatura.
3) Proteggi soprattutto i bambini, quelli al di sotto di un anno non devono essere esposti al sole.
4) Evita di esporti al sole nelle ore centrali della giornata (11.00-15.00 ora legale).
5) Utilizza indumenti, cappello con visiera, camicia, maglietta, e occhiali da sole.
6)Approfitta dell'ombra naturale o di ombrelloni, tettoie.
7) Usa creme solari adeguate al tuo fototipo, con filtri per i raggi UVA e UVB; in caso di allergia o intolleranza al sole consulta il dermatologo.
8)Le creme solari devono essere applicate in dosi adeguate e più volte durante l'esposizione.
 9) Alcune sedi sono da proteggere in modo particolare: naso, orecchie, petto, spalle, cuoio capelluto se calvi.
10) Evita l'utilizzo delle lampade abbronzanti, che invecchiano ancor più precocemente la pelle e sono vietate ai minori.
E' sempre bene ricordare che questi suggerimenti si applicano soprattutto ai soggetti definiti a rischio di melanoma che - secondo gli esperti - sono quel gruppo di persone che hanno una o più delle seguenti caratteristiche: «modificazione evidente e progressiva di un neo, comparsa di un nuovo neo in età adulta, ma anche i soggetti con i capelli biondo-rossi, occhi chiari, carnagione particolarmente bianca ed estremamente sensibile al sole».