SALUTE

Diabete: in Abruzzo 42mila in cura pari al 6,6%

L’11 e 12 aprile a Montesilvano la XXXIII Assemblea nazionale della associazione italiana diabetici

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2464

Diabete: in Abruzzo 42mila in cura pari al 6,6%




MILANO. Sono più di 3.200.000 le persone con diabete nel nostro Paese; oltre 42.000 in Abruzzo, regione che si trova al di sopra della media nazionale (5,4% la percentuale di popolazione con la malattia in Italia, rispetto al 6,6% abruzzese) e che occupa il terzo posto nella classifica delle regioni italiane con la più ampia quota percentuale di persone con diabete.
Il diabete è una malattia in continua crescita: rappresenta quello che l’ONU ha definito un grave problema di sanità pubblica per il pianeta. Si stima, infatti, che il numero di persone colpite dalla malattia nel mondo crescerà dai 171 milioni del 2000 ai 592 milioni nel 2035. Anche nel nostro Paese, negli ultimi anni, si è assistito a una vera e propria esplosione del fenomeno: alla fine del secolo scorso il diabete interessava meno di 4 italiani su 100, oggi siamo a oltre 5 su 100. Rispetto a 10 anni fa ci sono in Italia quasi un milione di persone in più con diabete diagnosticato.
Per affrontare questa emergenza anche l’Italia si è attrezzata e nel 2013 ha approvato il Piano nazionale della malattia diabetica, che delinea strumenti e iniziative volti a favorire prevenzione, assistenza e cura della malattia. Per discutere delle opportunità scaturite da questo documento, si ritroveranno a Montesilvano, sabato 11 e domenica 12 aprile, i presidenti delle oltre 100 associazioni che aderiscono a FAND – Associazione italiana diabetici, la maggiore associazione di persone con diabete in Italia e al cui fondatore, Roberto Lombardi, si deve la legge 115/1987, che tutela i diritti delle persone con diabete.
L’incontro di Montesilvano, presieduto dal presidente nazionale FAND Egidio Archero, e a cui parteciperà il Presidente di Diabete Italia Salvatore Caputo, sarà anche l’occasione per fare il punto sul livello e la qualità dell'assistenza diabetologica nella regione Abruzzo, oltre che per lanciare un forte appello a tutte le associazioni di volontariato della regione affinché creino quel Coordinamento regionale oggi realtà nella maggior parte d’Italia.