SALUTE

Fuoco di Sant’Antonio: a rischio 1 europeo su 4

In 2 casi su 3 il paziente ha più di 50 anni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3586

Fuoco di Sant’Antonio: a rischio 1 europeo su 4

ROMA. Circa 1 persona su 4 in Europa è destinata a soffrire di Herpes Zoster o Fuoco di Sant’Antonio nel corso della propria vita, in 2 casi su 3 dopo i 50 anni.
Una malattia che colpisce ogni anno oltre 1,7 milioni di persone in Europa, circa 157.000 in Italia, con un’incidenza che è destinata a crescere nei prossimi anni a causa del progressivo invecchiamento della popolazione, con ricadute significative in termini economici e sociali. Del peso individuale e sociale della malattia, della criticità nella gestione del paziente e delle opportunità di prevenzione offerte dalla vaccinazione, si è discusso oggi nell’ambito di un workshop promosso da Sanofi Pasteur MSD.
Molti non sanno che ammalarsi di Varicella da bambini è sufficiente per essere suscettibili di ammalarsi di Herpes Zoster. Il virus, infatti, si annida nell’organismo in uno stadio di latenza nei gangli nervosi, per poi rendersi nuovamente visibile a distanza di anni sotto forma di Fuoco di Sant’Antonio, principalmente come conseguenza del declino fisiologico delle difese immunitarie (immunosenescenza) che si verifica con l’avanzare dell’età. L’invecchiamento è associato anche a una maggiore gravità della malattia, alla comparsa e alla severità delle sue complicanze e a un più alto numero di ospedalizzazioni che, per oltre il 60%, riguardano soggetti con più di 65 anni, facendo registrare una degenza media annua di oltre 22.000 giornate. Non solo l'invecchiamento, ma anche alcune malattie croniche possono aumentare il rischio di sviluppare l'Herpes Zoster: pazienti con diabete o Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) sono esposti da 2 a 8 volte in più al rischio di sviluppare l’infezione.

«Quando si parla di Fuoco di Sant’Antonio è facile pensare che si tratti semplicemente di un’eruzione cutanea che si manifesta con la comparsa di vescicole in corrispondenza dell’area interessata dalla riattivazione virale. In realtà la malattia è espressione di una sofferenza del nervo causata dal virus che, risvegliandosi, provoca un’infiammazione. Pertanto, anche se le manifestazioni cliniche sono limitate ad un’area circoscritta del corpo, il grado di compromissione dello stato di benessere dell’individuo è generale. Il 60-90% dei pazienti prova dolore durante la fase acuta dell’Herpes Zoster, che si risolve solitamente in 2-4 settimane con la guarigione dal rash cutaneo», ha dischiarato Giancarlo Icardi, Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università di Genova.
Tuttavia non sempre il Fuoco di Sant’Antonio si esaurisce clinicamente con la fase acuta. Il 20-25% dei pazienti oltre i 50 anni con Herpes Zoster sviluppa la complicanza più temibile: la Nevralgia Post Erpetica.
«La Nevralgia Post Erpetica è causa di grande sofferenza e invalidità, tale da interferire in maniera significativa nella quotidianità e nella vita attiva dei pazienti, in alcuni casi addirittura costringendo ad abbandonare in anticipo il lavoro. È principalmente questo il motivo per cui vi è un’attenzione diffusa verso il Fuoco di Sant’Antonio. Ciò non deve far comunque dimenticare che la malattia può provocare anche altre complicanze tanto frequenti quanto fastidiose. Tra queste, l’Herpes Zoster Oftalmico, che colpisce la divisione oftalmica del nervo trigemino e interessa il 10-20% dei pazienti, con conseguenze anche molto gravi a carico dell’occhio, inclusa una riduzione permanente della vista e persino cecità», ha aggiunto Icardi.
«La principale esigenza dei pazienti affetti da Fuoco di Sant’Antonio e da Nevralgia Post Erpetica è senz’altro la riduzione del dolore, oltre alla necessità di tenere sotto controllo le infezioni cutanee per evitare il rischio di sovrainfezioni batteriche. I farmaci utilizzati - antivirali, antinfiammatori e analgesici – sono parzialmente efficaci nell’eliminazione del dolore in tempi brevi e, soprattutto, possono essere gravati da pesanti effetti collaterali, particolarmente significativi per quei pazienti che utilizzano già altri farmaci per patologie croniche concomitanti», ha dichiarato Tommasa Maio, Responsabile del Progetto MMG e Vaccinazioni della FIMMG.


IL VACCINO
Attualmente non sono disponibili trattamenti medici che possano prevenire l’insorgenza del Fuoco di Sant’Antonio e delle sue complicanze. L’unico modo per prevenirle è attraverso la vaccinazione, oggi possibile grazie al primo vaccino contro l’Herpes Zoster, autorizzato in Europa per l’immunizzazione degli adulti over 50, l’unico in grado di contrastare la riattivazione e la replicazione virale del virus Varicella Zoster, riducendo dal 51 a circa il 70% il rischio di sviluppare la malattia. La sicurezza e l’efficacia del vaccino sono provati da numerosi studi clinici.

«Vaccinare significa prevenire la presenza di condizioni croniche potenzialmente invalidanti e comunque ad alto impatto sulla qualità di vita dell’anziano. Per dare un senso all’aumento dell’aspettativa di vita bisogna mettere i cittadini nelle condizioni di realizzare una vita in salute, attiva e indipendente mentre invecchiano», ha dichiarato Roberto Bernabei, Direttore del Dipartimento di Geriatria, Neuroscienze e Ortopedia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Roma e Presidente di Italia Longeva.
«Non bisogna soltanto garantire un’assistenza alla popolazione over 65 – ha aggiunto Bernabei – ma soprattutto assicurare che le persone raggiungano in buona salute l’età anziana, cosa che oltretutto contribuisce a migliorare la sostenibilità e l’efficienza dei sistemi sanitari e sociali. La prevenzione vaccinale va assolutamente in questa direzione, contribuendo a realizzare il paradigma dell’Healthy&Active Ageing, identificato come una delle principali sfide per i Paesi europei. Per questo motivo, è importante richiamare l’attenzione sulla vaccinazione non solo in riferimento all’età pediatrica, ma anche all’età adulta-anziana, rispetto alla quale purtroppo la vaccinazione non è considerata un intervento sanitario di routine e risulta fortemente sottoutilizzata».

La prevenzione vaccinale ha dimostrato di essere favorevole anche in termini di risparmio per il Sistema Sanitario. Secondo un’analisi di costo-efficacia realizzata in Italia, l'intervento vaccinale anti Herpes Zoster risulta essere costo-efficace, consentendo una riduzione sia dei costi diretti (visite, terapie, ospedalizzazioni), che dei costi indiretti della previdenza sociale. In Italia, i costi ammontano complessivamente a oltre 49 milioni di euro l’anno, considerando sia la gestione del Fuoco di Sant’Antonio che della Nevralgia Post Erpetica.