SALUTE

Eternit. Esperto Iss: «prossimi 5 anni picco tumori da amianto»

In Italia 1.000 casi mesotelioma all'anno ma trend in crescita

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2634

DISCARICA ABUSIVA FIUME TAVO

DISCARICA ABUSIVA FIUME TAVO



ROMA.  E' il prossimo quinquennio, dal 2015 al 2020, il periodo di 'picco' nel quale si manifesterà il maggior numero di casi di tumore correlati direttamente all'esposizione all'amianto.
A sottolinearlo è il direttore del Reparto di epidemiologia ambientale dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Pietro Comba, rilevando come attualmente siano in media mille l'anno i casi di mesotelioma pleurico polmonare, la forma tumorale direttamente causata dall'esposizione ad amianto, ma il trend è in crescita.
Il monitoraggio dell'andamento dei nuovi casi, spiega l'esperto, si basa «su un modello che prevede due parametri: il consumo pro-capite di amianto in Italia negli ultimi anni e i tempi di latenza del mesotelioma. Proprio sulla base di tali parametri, possiamo dire che il periodo di picco con il numero massimo per questo tipo di tumore sarà dal 2015 al 2020».
 Ed il trend in crescita è già visibile, anche se gli ultimi dati epidemiologici disponibili sono riferiti al 2010-11: si è infatti passati dalla rilevazione di 700 casi di mesotelioma annui in media a 1.500 dal 2008. Anche per il tumore del polmone, precisa l'esperto, «c'è un numero di casi attribuiti direttamente all'esposizione ad amianto che è di circa mille ogni anno».
 E' però chiaro che la prevalenza del mesotelioma varia a seconda dell'entità avutasi di esposizione all'amianto, bandito in Italia dal 1992: così a Casale Monferrato, sede degli stabilimenti Eternit, afferma Comba, «si registrano ben 50 casi di mesotelioma l'anno, vale a dire un caso a settimana».
Il mesotelioma, spiega infatti Ivo Lavicoli dell'Istituto di sanità pubblica dell'Università Cattolica di Roma, prevede un periodo di latenza minimo di 30 anni dalla prima esposizione all'amianto, ma il picco di casi si prevede anche dopo 40-50 anni: «Considerando che il maggior periodo di esposizione all'amianto in Italia è stato tra gli anni '70 e '80 - conclude l'esperto - la decade 2010-2020 sarà appunto quella maggiormente segnata dalla comparsa di mesoteliomi nella popolazione».
 Secondo le stime dell'Osservatorio nazionale amianto (Ona), tuttavia, i casi di tumore più in generale connessi a tale sostanza sono ben più numerosi, attestandosi a circa 5mila l'anno.