SALUTE

Occhi. Chirurgia combinata: i pro e i contro nell’intervento ‘in diretta’

3° Live Surgery of Adriatic High Surgery School

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3547

vista occhio miopia
PESCARA. Venerdì 14 Dicembre, a partire dalle ore 9:00, l’evento di “chirurgia in diretta” organizzato dal primario di Oftalmologia di Pescara, Michele Marullo.


Negli ultimi anni l’intera oculistica ha presentato una notevole evoluzione grazie all’avvento di nuove apparecchiature diagnostiche e farmaci sempre più all’avanguardia e il campo in cui si riscontra maggiormente questa evoluzione è senza dubbio quello chirurgico.
«E’ per questo motivo – spiega il primario– che abbiamo ritenuto utile organizzare un evento che non si limitasse solo alla comunicazione verbale o alla proiezione di statistiche riassuntive, ma che fosse in grado di mostrare, tramite chirurgia in diretta, come alcuni tra i più valenti chirurghi della nostra nazione sono in grado di affrontare anche casi di chirurgia complicata».
Venerdì 14 Dicembre 2012 a partire dalle ore 9:00, all’interno dell’Aula Magna del Presidio Ospedaliero Spirito Santo di Pescara, si svolgerà infatti il 3° Live Surgery of Adriatic High Surgery School dal titolo “Chirurgia combinata: pro e contro”.
«La nostra struttura – spiega sempre Marullo – è oggi in grado di offrire tutte le tecniche chirurgiche più all’avanguardia, tanto da poter essere ormai considerata una sede di riferimento per ogni tipo di intervento medico o chirurgico sia riguardo al segmento anteriore che posteriore. Ecco quindi, anche sulla scia dell’evento dello scorso Aprile 2012 (anch’esso di chirurgia in diretta), che trova la sua ragione di essere un nuovo incontro in cui, oltre che avere la possibilità di vedere casi di chirurgia complicata, sarà possibile per il partecipante intervenire ed avere modo di chiarirsi grazie alla presenza di quanto di meglio ci può offrire il panorama chirurgico nazionale».
L’evento, che rientra nel 24° GOP (Giornate Oftalmologiche Pescaresi), sarà composto da quattro sessioni formate da una relazione introduttiva sull’argomento della sessione stessa, l’intervento in diretta dalla sala operatoria con possibilità di colloquiare con il chirurgo e una tavola rotonda sull’ argomento appena trattato.
Quotidianamente ci si trova a dover affrontare la problematica di dover eseguire interventi multipli sullo stesso bulbo, appunto la combinazione di più procedure finalizzate alla risoluzione in un tempo unico di tutti i problemi che sono presenti, o anche in previsione delle problematiche postoperatorie. E' impensabile poter affrontare un intervento di chirurgia maculare o effettuare un trapianto di cornea se è presente la cataratta, in tal caso sarebbe ovviamente vanificato il tutto.
Le sessioni riguarderanno quindi tutte le sfaccettature della "Chirurgia Combinata": cataratta e glaucoma: pro e contro; cataratta e trapianto di cornea: pro e contro; cataratta e vitrectomia: pro e contro. Una sessione del tutto particolare sarà, poi, quella dedicata alle cosiddette "Iol Premium", ovvero cristallini intraoculari speciali quali quelli multifocali, accomodativi o a correzione toriche, routinariamente impiantate nella struttura pescarese e destinate alla contemporanea correzione di particolari ed anche importanti difetti di vista quali miopia, ipermetropia, astigmatismo e soprattutto la presbiopia; proprio questa tecnica è quella che permette al paziente di qualsiasi età una perfetta ed immediata riabilitazione visiva, sia per la visione da lontano che per quella da vicino, ritornando ad una visione di stampo "giovanile". Ampio spazio verrà dato quindi alla chirurgia moderna del trapianto di cornea, alla chirurgia delle maculopatie trattive, del distacco di retina idiopatico e diabetico, così come anche alla risoluzione chirurgica del subdolo e penalizzante glaucoma mediante tecniche innovative quali l'applicazione di valvole. 


«Tutte queste metodiche – conclude il primario Marullo – sono l'essenza della nostra quotidianità, ottenuta grazie alla disponibilità dell'Azienda ad approvvigionarci di tutte le strumentazioni più moderne, ed è grazie anche ai continui aggiornamenti del personale tutto che possiamo competere con le strutture del Nord, ottenendo brillanti risultati in termini di mobilità attiva extraregionale, con indubbi vantaggi economici per la nostra Regione».
Tutte le tecniche che verranno eseguite in sala operatoria seguiranno i canoni della più moderna chirurgia microinvasiva, ovvero "sutureless", che prevede accessi al bulbo ridottissimi, soli 1.8 mm per la cataratta e 0.5 mm per la retina, senza quindi applicazione di punti di sutura e nel rispetto dell'anatomia del bulbo oculare, ottimizzando l'efficacia e l'efficienza del risultato postoperatorio ma anche garantendo il miglior comfort postoperatorio per il paziente con pressoché immediata riabilitazione.
Nel corso dell’evento vi sarà inoltre una lettura magistrale tenuta dal professor Emilio Balestrazzi, quale Maestro di Oftalmologia, su “ L’evoluzione della chirurgia corneale”, che si concluderà con la consegna di un riconoscimento: un atto dovuto per la sua appassionata dedizione di una vita all'oftalmologia, nonché lunga e brillante attività svolta nel nostro Abruzzo durante i numerosi anni della sua permanenza, che lo ha visto dirigere brillantemente e con infiniti riconoscimenti nazionali ed internazionali la Cattedra di Oftalmologia presso l'Ateneo di L’Aquila.