SALUTE

Salute, allarme dietisti: «le mense scolastiche fanno male»

«Raramente vengono controllati gli abbinamenti dei cibi»

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3276

Salute, allarme dietisti: «le mense scolastiche fanno male»
VERONA. In Italia un bambino su tre e' sovrappeso e uno su dieci obeso con il rischio che nel 50% dei casi lo sia anche da adulto.

Un dato che ci colloca al terzo e al quarto posto in Europa per la maggiore incidenza di bambini sovrappeso e obesi. E i dietisti lanciano l'allarme: a scuola si mangia male, nessuno controlla come si nutrono i bambini, specie quelli fino agli 8-9 anni nei quali manca l'idea di porzione e di arco di tempo.
Per sensibilizzare a questi importanti concetti è in arrivo nei prossimi mesi, edito dall'Istituto Scotti Bassani per la ricerca e l'informazione scientifica - Milano, un Atlante Fotografico rivolto agli operatori del settore e alla classe pediatrica, da utilizzare con bambini e genitori perchè anche a casa la situazione non è migliore. A lanciare l'allarme è l’associazione Nazionale dei Dietisti Italiani. «Se da un lato i menù sono, o almeno dovrebbero essere, preparati da un dietista, quindi bilanciati e adatti alla crescita dei bambini - spiega Giovanna Cecchetto, presidente dell'Andid - dall'altro raramente nelle sale mensa sono controllati gli abbinamenti dei cibi, e meno ancora si verifica che i bambini scelgano correttamente gli alimenti e completino i piatti». Senza contare poi che merendine o patatine sono spesso lo spuntino preferito scelto dai genitori, che non controllano neppure l'alimentazione a colazione e a cena.
Niente da stupirsi: secondo i dati dell'Iss tra le madri di bambini in sovrappeso o obesi, il 36% non ritiene che il proprio figlio lo sia, mentre è solo il 29% a pensare che la quantità di cibo da lui assunta sia eccessiva.
«La prevenzione dell'obesità infantile - dichiara la Cecchetto - deve iniziare fin da neonati, favorendo il più possibile l'allattamento protratto al seno e tenendo sotto controllo l'eccessivo recupero di peso nei primi anni di vita. Studi scientifici hanno infatti dimostrato che quasi la metà di bambini obesi resteranno tali anche da adulti, favorendo però la prevalenza elevata alla sindrome metabolica, strettamente connessa al tipo di alimentazione, già in età adolescenziale».
A una alimentazione scorretta, come se non bastasse, si combina poi la scarsa attività fisica. Poco consapevoli o genitori poichè su questo aspetto, solo il 43% delle madri/genitori di figli obesi e fisicamente poco attivi ritiene che svolga un'attività motoria insufficiente. Chiave di volta dovrebbe essere la scuola. Eppure, secondo i dati emersi da Okkio alla Salute, su oltre 2.200 plessi di scuola primarie italiane esaminate, relativamente alla struttura degli impianti, ai programmi didattici, alle iniziative di promozione della sana nutrizione e dell'attività fisica degli alunni, solo il 68% delle scuole possiede una mensa; il 38% prevede la distribuzione per la merenda di metà mattina di alimenti salutari (frutta, yogurt) ed il 34% delle classi svolge meno di due ore di attività motoria a settimana. Inoltre solo 1 scuola su 3 ha avviato iniziative a favore di una sana alimentazione e l'attività motoria, con il coinvolgimento dei genitori.